13 novembre 2012

il post che non avrei voluto scrivere

Tre giorni di ritardo e la mente vola.
Anche se ti autoconvinci che non devi illuderti, che non può essere, che sarebbe la cosa più bella del mondo, che non devi fare i calcoli di quando nascerà, vivi quei tre giorni con un'unico pensiero.
Lo vuoi.
Fortissimamente.
Vuoi diventare mamma di nuovo.
Come se non ci fosse altro al mondo che si possa desiderare di più.
Perchè questa volta sarebbe una cosa consapevole, voluta (e solo io so davvero quanto), desiderata, cercata e chi più ne ha ne metta. Voglio provare questa sensazione, quella dell' aver cercato e trovato, vivermela senza le paure che hanno caratterizzato la mia prima gravidanza.
Mio figlio infatti è arrivato per caso, nel senso che non lo stavamo nè cercando nè desiderando. E' stato una bella batosta, 26 anni, un'università da finire e un bilocale pieno d'amore ma piccolo e buio. 
Mai cosa per caso fu più azzeccata.  
Un miracolo mi dicono i medici, io preferisco definirla una magia.

Poi arrivano.
'Ste stronze.
Come sempre. Da 19 mesi a questa parte mi riportano alla realtà.
"Continua pure a sperare bella mia"
Per me è molto difficile rimanere incinta (ne parlavo anche qui, autoconvincendomi di nuovo che non era un mio chiodo fisso). Una tuba è chiusa e quindi le aspettative sono solo sull'unica rimasta, e questo mese era anche il suo turno (maledetta), solo che anche lei è piena di aderenze e paranoie (rimaledetta).

Lo so che sono giovane, lo so che ho tutta una vita davanti e soprattutto lo so che ho la fortuna di essere già mamma.
Per questo non mi posso mai lamentare troppo.
Però fa male comunque. Però è' un pensiero costante. Però è un peso difficile da descrivere.
Sono grata per la magia che è stata ed è mio figlio e ogni giorno cerco di assaporarne al massimo, di riempirmi di questo amore immenso.
Però, come si chiedeva Raffella in un suo post che mi ha coinvolta molto, vorrei tanto sapere
[...]Che sensazione si prova quando tutto avviene come se fosse l’evento più naturale del mondo? 
Com’è quando le cose vanno come devono andare, com’è desiderare e ottenere?
Com’è provare e riuscire, senza battaglie, senza guerre, senza traumi?

Non ho fretta ma non ce la faccio più. Solo chi ha cercato a lungo sa cosa significa...
E' una parte di me che cerco di nascondere perchè non voglio passare per l'eterna insoddisfatta (perchè non lo sono) ma le lacrime ci sono e le verso da sola.
E quindi vaffanculo.
Sì, perchè era il momento più giusto, un regalo bellissimo per i miei trent'anni, un modo di festeggiare una ritrovata e tanto agoniata pace con Lui, quello Grande, un modo nuovo, positivo di guardare al futuro.
Per me, per Lui e per il Piccolo Lui.
Perchè essere fratelli è una cosa bellissima.

28 commenti:

  1. Mi spiace molto che questo mese le cose nn siano andate come desideravi ma se il miracolo è avvenuto col primo perchè nn credere che giunga anche col secondo bimbo? ;-)
    Mio figlio è figlio unico, lo rimarrà per sempre e questo mi duole ma la mia età (42 anni)e le difficoltà incontrate con la gravidanza nn mi permettono di intraprenderne un'altra. Pazienza...mi dedicherò anima e corpo a questo mio piccolo, unico raggio di sole per sempre!
    Un abbraccio, Marinella

    RispondiElimina
  2. A volte la vita è proprio strana... anche io mi ritengo fortunata: le classiche ovaie policiste, un'endometriosi brutta, da anni mai curata, perchè nessuno era riuscito a trovarla! (su questo ho scritto un post "leggero" sul blog

    http://lamammadiprince.blogspot.it/2012/10/quando-ho-scoperto-di-essere-la-mamma.html#comment-form

    se hai voglia di leggerlo :) )

    E più speravo di diventare mamma, più mi sembrava difficile raggiungere questo obiettivo. Vedevo tutto buio... un lavoro precario, dove educhi i figli degli altri (perchè loro povere stelle non sono stati cresciuti adeguatamente) e vieni a conoscenza di genitori terrificanti, mentre girando lo sguardo noti coppie che non riescono ad avere figli e sarebbero due genitori splendidi... e tra quelle pensi che forse ci sei anche tu... Poi, quella volta in cui ti distrai su questo tuo chiodo fisso e ti ritrovi con un fagiolino in pancia. Non ci credevo. Sì, la vita è proprio strana! Adesso che sono agli sgoccioli ho gli ormoni in subbuglio, ho paura di perdere il lavoro, di non riuscire a farcela ma appena poso la mano sulla pancia tutto svanisce.
    Ti appoggio e posso capire il tuo stato d'animo Verdeacqua! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Io mi permetto solo di darti un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace che stai soffrendo... un po' ti capisco, anche io ho cercato Dede per qualche mese prima che arrivasse, e ogni mese ci rimani male, e ti fai sempre più paranoie.
    Sai cosa penso però?
    Penso che se rimani incinta al primo tentativo, o al secondo, allora la cosa è così normale che nemmeno te ne accorgi, non ci fai caso e nemmeno te la godi... come invece farai tu quando succederà!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Brividi. Mi hai riportata indietro a quei 4 anni in cui ogni stato (o maledetto) mese avevo quella speranza nonostante le analisi cliniche sia mie che sue di speranza ne lasciassero ben poca. Poi come è successo a te, il miracolo/magia. Ora lei ha un anno ma già penso a quando decideremo per il secondo e ho paura. Paura di rivivere tutta quell'attesa, quell'illusione con in più il fattore degli anni che passano. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  6. mi dispiace... cerca di stare serena e non pensarci...vedrai che quando meno te lo aspetti succederà come con il primo... :)

    RispondiElimina
  7. anche il mio è arrivato un po' per caso. E quando penso al prossimo, mi chiedo proprio come ci si sente a desiderare davvero ed ad ottenere. Però mi sento di dirti di prenderla così come viene, perché se è andata una volta, ci sono buone possibilità che risucceda, ma non la caricare di troppe ansie e aspettative. Queste sì che possono mettersi di traverso. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. io me la ricordo quella sensazione lì di attesa e delusione, ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Ti capisco. Aver avuto un solo figlio è uno dei miei crucci. Pur sapendo che è già tantissimo, rispetto a chi non ne ha. Ti abbraccio forte anch'io.

    RispondiElimina
  10. Guarda ti capisco in un certo senso.. io sono rimasta incinta a 28 anni, scoperto dopo tre giorni dalla laurea... mi sono sposata e dopo 2 mesi esatti il mio Gioele è nato altamente prematuro a 24 w e morto dopo 3 ore.. non ti dico la catastrofe nel mio cuore! Ho dovuto aspettare 6 mesi prima di riprovarci e sono stati mesi terribili... non voglio fare la santa donna (se mi conoscessi non lo diresti mai) ma: pregherò per te!!! un caloroso abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la tua testimonianza, certi dolori non riesco nemmeno ad immaginarli e sono davvero felice per il dono che avete ricevuto in seguito... Un abbraccio fortissimo anche a te!

      Elimina
    2. Infatti poi la nostra bambina l'abbiamo chiamata Dorothea.. dono di Dio ;P
      ti abbraccio forte forte

      Elimina
  11. Ti abbraccio forte e spero con e per te.
    Raffaella.

    RispondiElimina
  12. Lo scriverai il post della gioia, ne sono sicura.
    Un abbraccio anche da me.

    RispondiElimina
  13. Mi dispiace davvero tantissimo ma in fin dei conti se non lavora ogni mese la tuba giusta,non sono così tanti mesi che ci speri! Vedrai che appena sarai più tranquilla (e so benissimo che può sembrare impossibile ma ti assicuro che accadrà) quello che desideri così fortemente si realizzerà e arriverà un nuovo esserino pronto per essere amato da voi e dal suo bellissimo fratellone!
    Un abbraccio
    Lorentim Daniela

    RispondiElimina
  14. Grazie infinite a tutte, il calore dei vostri abbracci e delle vostre parole hanno scaldato il mio cuore... Spero davvero possa arrivare il post della gioia come lo definisce Marzia, in attesa continuo ad assaporare la mia grande fortuna giorno dopo giorno!

    RispondiElimina
  15. Il mio primo l'abbia cercato x mesi ed e' arrivato quando meno me l'aspettavo. La seconda e' stata una saetta. Ora se ho un giorno di ritardo tremo....ti auguro di diventare presto mamma bis xche' come hai giustamente detto, la seconda gravidanza e' moooolto piu' bella perche' consapevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la vita è proprio strana! Un abbraccio!

      Elimina
  16. Ciao Verdeacqua, il tuo post l'avrei potuto scrivere io....ma non ne ho avuto il coraggio!! anche io vorrei tanto essere di nuovo mamma e ogni mese la stessa grande delusione. In più ho 38 anni e non sono proprio il massimo dell'ottimismo...meno male che ho sposato un ottimista di natura! così ci compensiamo;-)) Mi piace tanto il tuo blog e prima o poi spero di visitare la tua bellissima isola! a presto
    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti abbraccio forte, chissà che non arrivi per entrambe un pò di vero ottimismo, quello concreto!!!!

      Elimina
  17. Mi ha commossa leggere le tue parole. Perché non cerchi una buona ostetrica nella tua zona che ti accompagni in questo che sembra un così difficile percorso? un abbraccio virtuale e tanta tanta speranza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho già cambiato due ginecologi... per tutti ho "solo" 30 anni e quindi dovrei continuare ad aspettare... Grazie a te per l'abbraccio!

      Elimina
    2. Mi permetto di insistere: lascia perdere i ginecologi e prova a contattare un'ostetrica.

      Elimina
  18. Solo per un abbraccio, un giorno in cui ho appena saputo che un'amca dopo tanto e' rimasta incinta. Un piccolo pensiero per te... E ti dico anche che ho ordinato on line il libro di cui alle foto qui in alto in copertina, mi hai ispirato! Poi ti saprò dire... Un abbraccio...

    RispondiElimina
  19. Il libro è davvero bellissimo e un grande in bocca al lupo alla tua amica! Sono felice per lei! Grazie del pensiero, davvero!

    RispondiElimina
  20. E invece hai fatto benissimo a scriverlo!

    RispondiElimina