28 novembre 2012

Figli, punto.

Da oggi c'è una nuova legge. Ed è una cosa molto buona anche se, come sempre in questo paese, arriva in ritardo. Ma come si dice?! Meglio tardi che mai.

Su Repubblica.it potete leggere questo.
Da oggi i figli sono figli. Punto e basta. Che siano di coppie sposate o no.
Prima i figli legittimi erano solo quelli i cui genitori erano marito e moglie.
I figli naturali erano quelli degli altri.
Mio figlio è nato naturale ed è diventato legittimo a un anno e poco più.
Ho sempre pensato che fosse una distinzione idiota. Che differenza dovrebbe fare per i figli?
Magari un giorno farò un post dedicato ad una legge che valga anche per i figli di coppie omosessuali. Sarebbe un gran giorno. Figli, punto.
Perchè fino a ieri, se succedeva qualcosa ai non coniugi, i figli sarebbero entrati nel circuito adozione. Adesso invece sono riconosciuti i naturali rapporti di parentela e quindi sono i figli stessi che ne guadagnano perchè sono legalmente riconosciuti non più solo come figli ma anche come nipoti.

Non ho mai creduto molto nel matrimonio. Continuo a non ritenerlo così importante anche da sposata. Non dico che non lo sia, ma ci sono altre cose che legano due persone e voglio credere che l'impegno verso l'altro ci sia anche senza una firma. Perchè ci vuole fiducia.
Uno dei due motivi per cui mi sono sposata è stato proprio per mio figlio. Perchè avevo bisogno di sapere che mio figlio era tutelato, perchè non volevo fosse di serie B. Perchè la schifezza sta proprio qui.  Nel differenziare invece che nel sostenere. Perchè c'erano e ci sono ancora figli di serie A e figli di serie B. Ma non basta coscienza morale per non fare questa distinzione ci vogliono anche le leggi.
L'altro motivo è perchè non mi sarei vista sposata con nessun altro.

Lui mi chiese di sposarlo quasi per gioco davanti a un cheeseburger californiano untissimo. Non era programmato, gli è uscito così.
Da quella vacanza siamo tornati in tre. Ovviamente non lo sapevamo. Io ero quella che non poteva avere figli, non ci stavamo neanche pensando. I progetti di matrimonio sono quindi scivolati nel dimenticatoio, stavamo per avere un bambino, mi sembrava una cosa molto più importante.
Così al compimento dell'anno del pupo ci siamo concessi un week end da soli, abbiamo preso un aereo, abbiamo dormito, abbiamo gironzolato, ci siamo divertiti e davanti a un birra (forse non proprio la prima) abbiamo deciso di sposarci. E così lo abbiamo fatto tre mesi dopo.
Più come veniva che seguendo il manuale del matrimonio da favola. Io ho comprato un vestitino corto e lui il suo primo vero abito. Abbiamo anche vestito il figlio (ancora solo naturale) per la sua iniziazione a figlio legittimo. Eravamo una trentina ed è stato tutto molto naturale.

L'importante te lo dicono quando ti sposi e invece andrebbe detto quando diventi semplicemente (si fa per dire) genitore:
ARTICOLO 147 DEL CODICE CIVILE: - DOVERI VERSO I FIGLI
Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l'obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dell'inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli.

Che sia un piccola piccolissima luce in fondo al tunnel? Che questa legge anche se finisce dietro a tutti i battibecchi delle primarie è importante che sia passata? Qualcosa può davvero cambiare? In termini sociali per una volta, umani e non finanziari? Oggi mi va di pensare che possa essere così. Che sia un bel segno.
Anche se fuori piove.




18 commenti:

  1. sono d'accordo, l'equiparazione è giusta, non devono esserci differenze o classificazioni. E quando ne sono venuta a conoscenza ho capito di essere stata un po' ignorante sulla questione: pensavo che i figli naturali fossero quelli non riconosciuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i figli naturali sono quelli di genitori non sposati e i figli legittimi quelli degli sposati... Io l'ho scoperto tempo fa con un film con la brava Margherita Buy (il film raccontava la sua storia di madre single di una bimba nata prematura) che quando va per registrare la figlia le dicono di barrare la casella illegittimo...

      Elimina
  2. Davvero, menomale. Ed è allucinante pensare che fino a ieri non fosse così. Da oggi mia figlia è figlia e basta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è una buona scusa per festeggiare!

      Elimina
  3. un piccolo granello di sabbia che ci fa sperare in un futuro migliore;-))

    RispondiElimina
  4. Direi un passo doveroso, fatto con molto ritardo, ma fatto!! Non bisogna però fermarsi qui, c'è' ancora molto da fare!!!....bellissimo il tuo matrimonio......ti va di regalarci qualche foto????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è ancora tantissimissimissimo da fare! le foto del matrimonio sono poche e neanche un gran chè perchè la fotografa ufficiale, che di solito sono io, non ne ha fatte e gli amici incaricati non si sono impegnati molto!

      Elimina
  5. Che bel post! Pensa che io ero sposata, poi mi sono separata e sono rimasta incinta del mio ex marito. Che casino! Quando nostra figlia aveva 3 mesi abbiamo deciso di risposarci in comune, soli io e lui. Motivazioni simili alle tue: la tutela di nostra figlia e il fatto che alla fine gira e rigira tornavamo sempre al punto di partenza cioè l'uno dall'altra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. viva i figli quando servono a farci capire queste cose!

      Elimina
  6. Concordo: bel post! ;-)
    Mio figlio è il terzo per mio marito e il primo per me, nn c'è differenza con gli altri, sono fratelli e hanno lo stesso cognome e diritti in casa come fuori. Del resto come si fa a nn amare i figli? che siano i tuoi o quelli dell'uomo che ami o quelli che cmq hai deciso di crescere nn sono differenti dagli altri, nn credete? ;-)
    Buona giornata a tutte,
    Marinella

    RispondiElimina
  7. Considerando che negli ultimi anni il numero di figli nati "fuori" dal matrimonio è salito così tanto, direi che era diventata doverosa, questa parificazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adesso bisognerebbe pensare anche alle coppie di fatto, figli o non figli!

      Elimina
  8. Bel post! Non sapevondibquesta differenza... Pensa che oggi stavo proprio pensando al senso del matrimonio.... Beh, un elemento in più su cui riflettere. A cose gia' fatte, comunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che ognuno debba trovare il SUO senso, come ognuno ha il suo modo di amare...
      Io continuo a chiamare il marito "il mio ragazzo"!

      Elimina
  9. Questi bambini andavano tutelati! Finalmente una legge che segue il buonsenso!!! Che mica e' cosi scontato eh?

    RispondiElimina
  10. Era ora!! Ora sono una mamma (di un figlio naturale) molto più tranquilla :-)

    RispondiElimina