20 marzo 2013

piove solo dentro, fate pure con calma

Piove dentro la scuola. Il soffitto gocciola acqua (è un eufemismo, è molto peggio) proprio all'ingresso dove tutti entriamo ed usciamo.
La scuola di mio figlio l'abbiamo scelta perchè ha un grande giardino e le classi sono molto colorate e luminose. Soprattutto l'abbiamo scelta perchè pubblica. Perchè ci crediamo. Perchè vogliamo crederci.
E dentro la scuola pubblica piove. E non ci potrebbe essere immagine più rappresentativa.
Ci si può arrabbiare ma il sentimento dominante è lo sconforto. Il dispiacere nel vedere come non c'è lungimiranza, non c'è cura, non c'è giustizia. Perchè è ingiusto che il luogo, così importante, dove i grandi di domani passano la gran parte del loro tempo, sia stato abbandonato, non sia tra le priorità.
Forse è ancora peggio il fatto che si debba chiedere aiuto ai genitori, che le maestre debbano domandare di portare da casa il materiale che serve ai nostri figli. Ma portare la carta igienica, la colla, la farina, i fogli per disegnare è un'immagina meno eclatante di questa:



Continuate a litigare TUTTI, cari politici, e a non fare nulla.
Tanto qui piove solo nella scuole.

12 commenti:

  1. desolante...

    spero che nel frattempo qualcuno si sia incaricato di risolvere il problema (e che non sia uno di quei casi in cui "cosa pubblica" è sinonimo di "cosa di nessuno") :-(

    RispondiElimina
  2. Giorni fa ho visto un servizio su Rai 3, relativo a dei comuni cittadini, tutti super tassati, che di comune accordo hanno dato vita ad una serie di iniziative: chi tinteggiava le mura fuori di casa o fuori dal negozio, chi ripuliva un giardino, mettendo anche piante, alberelli e panchine, ove far giocare i bambini, chi riverniciava le strisce pedonali davanti casa. E' allucinante che la gente paghi le tasse per dei sevizi pubblici e poi deve comunque darsi da fare perché questi servizi gli vengono negati!

    RispondiElimina
  3. Allucinante...
    Sono curiosa di vedere quanto ci vorrà per riparare sto benedetto tetto...

    RispondiElimina
  4. Un gran peccato davvero, per i bambini prima di tutto e anche per tutti quei bravi insegnanti che si trovano a gestire situazioni che con la scuola non dovrebbero aver nulla a che fare. Ma la scuola dovrebbe stare ai primi posti degli interventi, è il nostro futuro!
    Mi fanno così arrabbiare queste cose ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo in pieno, non è riconosciuto loro, che fanno un lavoro IMPORTANTISSIMO il giusto, non è concesso loro di fare il loro IMPORTANTISSIMO lavoro come dovrebbero...

      Elimina
  5. davvero una gran tristezza....mi chiedo se cambierà mai qualcosa in questo paese:-((

    RispondiElimina
  6. Spero che lo sistemino presto.

    RispondiElimina
  7. Ti capisco!!! Ci sono passata anche io. Anche noi abbiamo scelto la scuola pubblica. Anche a scuola di mio figlio lo scorso anno ha piovuto più corto circuito, senza corrente e i bimbi quel giorno causa in agibilità della mensa hanno mangiato panini. Ti capisco!!! Anche io ci sono rimasta male, sono amareggiata da un pubblico che non funziona. È potrei stare a qui a raccontare mille altri episodi. Dalle maestre....che se la comandano.
    Mi fermo qui e ti dico solo che ti capisco!!!!

    RispondiElimina
  8. oggi dovrebbe venire qualcuno ad aggiustare il tutto, o per lo meno a metterci una toppa, dopo 4 giorni di reclami. Speriamo. Almeno che non piova.

    RispondiElimina
  9. Vergogna. Mi vergogno di questo Stato che siamo anche un pò noi.

    RispondiElimina