21 dicembre 2012

libri+regali+consigli

A Natale io non so mai cosa regalare. Finisce sempre che compro libri. Con un libro è difficile sbagliare, a meno che non si regali 50 sfumature di grigio alla nonna ottantenne.
C'è da dire che mi viene molto facile, mio padre di mestiere fa il libraio e legge davvero tanto per cui riesce sempre a consigliarmi il libro giusto. C'è da dire anche che la fregatura di avere un padre che ha una libreria e che nella vita non fa altro che lavorare e leggere mi incasina sempre e ogni anno si ripresenta lo stesso problema: cosa caspiterina gli regaliamo???
Quest'anno gli regaliamo i biscotti fatti dal nipote. Così impara ad avere come unica passione il suo lavoro.

Siete ancora incasinati e non sapete cosa cavolo regalare????!!!!
Eccovi qualche consiglio (post assolutamente non sponsorizzato, i libri che seguono mi sono piaciuti davvero!!)

Per i grandi:

La casa di pietra di Anthony Shadid. L'autore ha vinto il premio Pulitzer nel 2004 e nel 2010 ed è morto quest'anno in Siria durante un suo reportage sulla guerra civile che sta distruggendo quel bellissimo paese. Non dimentichiamocelo. In Siria si continua a morire. In Siria continua ad essere un gran casino. In realtà il libro non parla della Siria, non gli è stato dato il tempo di scriverne uno dedicato a questo paese. La casa di pietra è la casa dei suoi avi nel sud del Libano dove lui cerca la storia della sua famiglia in una quotidianità molto difficile. Le radici sono una cosa forte e vanno spesso al di là delle differenze culturali...

Per qualcosa di più leggero, molto divertente e allo stesso tempo molto ben scritto consiglio Mirtilli a colazione di Meg Mitchell Moore, perchè non si smette mai di essere genitori.  E' la storia di una coppia non più giovanissima che si rifugia in una casa isolata al mare per godersi tranquillità e solitudine e invece si ritrova circondata (direi invasa!) dai figli con le rispettive famiglie e i tanti problemi (neonati, disoccupazione, gravidanze a rischio e tradimenti). Tutti dovevano fermarsi solo pochi giorni e invece ci passano tutta l'estate... Se avete una mamma molto ironica è un bellissimo regalo!

Ancora uno, Colpa delle stelle di John Green dove devo però fare una critica ai traduttori perchè il titolo originale sarebbe "The fault in our stars" e fault in inglese significa anche debolezza, imperfezione, non per forza colpa o responsabilità. Infatti non c'è nulla di fatalistico in questo libro. E' un libro politicamente scorretto perchè non descrive adolescenti perfetti, belli, di fronte ad un futuro radioso. Tutt’altro. Non descrive una felicità che dura per sempre, ma una dolente felicità conquistata in un presente privo di prospettive.
(una domanda: sono l'unica che controlla sempre come vengono tradotti i titoli dei libri?)


Per i piccoli avrei un sacco di libri da suggerire...

Tanto per cominciare il mitico Monsieur Hulot. Il mio nano ne va semplicemente pazzo. Bellissimo.
Senza parole. Perchè non servono.
(tra l'altro questo l'ho scoperto proprio grazie ai Venerdì del Libro, il vecchio padre di cui parlavo sopra non c'entra!).
Ha una sola controindicazione... Viene tanta voglia di andare a Parigi!







I fantastici libri volanti di Mr. Morris Lessmore. E' un capolavoro. Il corto da cui è tratto non l'ho mai visto ma il libro è meraviglioso. Non serve aggiungere altro.




Signor Alce.
Il Signor Alce è mio figlio, perlomeno la parte tranquilla di mio figlio. Abitudinario, timido, per niente amante dello shopping, e profondamente dolce. E in questa storia impara a conoscere l'amicizia, quella vera perchè semplice e spontanea.



Piccolo: un libro delizioso e al contempo buffissimo. Una nanetta che trova un orso nel suo giardino e decide di farlo diventare il suo cagnolino, con non poche difficoltà! Come la capisco! Io che non ho mai avuto un cane e che ne avrei sempre voluto uno (e ora non ci penso nemmeno, mi manca solo quello).



Per ultimo Evelina Verde Mela, la storia di una simpatica rinoceronta e delle strane usanze del paese dei rinoceronti: innanzitutto voi lo sapevate che i rinoceronti si svitano il corno la sera per andare a letto? Mi sembra ovvio del resto, altrimenti come farebbero a dormire comodi? E proprio perchè è un corno metti e togli ogni giorno della settimana è di un colore diverso. E così la sbadatissima Evelina si ritrova con il corno verde del venerdì il martedì quando il conformismo rinocerontesco prevederebbe quello rosso... Perfortuna c'è un altro rinoceronte che ha "sbagliato" colore e la fa sentire meno fuori luogo, anzi la fa sentire bellissima così com'è! Alla faccia del conformismo che ci vuole tutti uguali!
Il libro è carino, le illustrazioni mi piacciono molto ma la storia non è proprio un capolavoro e infatti è alla fine della lista! Siamo stati ad una presentazione-gioco-laboratorio del libro e abbiamo disegnato e ritagliato il nostro corno di tutti i colori (così va bene sempe mamma mi ha detto il mio ragazzo)... I libri raccontati da chi sa raccontarli diventano sempre più belli di quello che sono!






Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Homemademamma

... e già che ci sono Buon Natale!

13 commenti:

  1. Aaahh! no, non sei l'unica che controlla i titoli!
    Io lo faccio specialmente con i film. Per i libri in effetti un po' meno, non ho questa abitudine perchè il più delle volte compro autori italiani, ma con i film mi arrabbio da morire :))

    RispondiElimina
  2. Ma grazie delle dritte!!!!Me li son segnati tutti!
    Magari io avessi chi mi rgala libri per Natale! Adoro leggere ma nessuno me li regala mai!!!Chissà perchè poi....

    RispondiElimina
  3. Vorrei tanto riprendere a leggere...ma la mia vita e' una corsa continua...quindi ho smesso, ma conto di ricominciare!

    RispondiElimina
  4. Post graditissimo, un libro è per me il regalo migliore!
    Auguri cara amica di blog anche a tutte le amiche leggono e scrivono qui,
    un abbraccio grande Marinella

    RispondiElimina
  5. Ho segnato tutto, anche per me i libri, pensati per la persona, sono il regalo migliore!
    Buon Natale anche a voi!

    RispondiElimina
  6. Sono una che regala principalmente libri, uno dei miei sogni è quello di avere una libreria però mi accontenterei anche di un papà libraio come il tuo.
    Grazie dei suggerimenti.

    RispondiElimina
  7. Quante info utilissime x i regali dell'ultima ora! Perche' io arrivo in libreria con le idee piu o meno chiare ma poi mi perdo!

    RispondiElimina
  8. Belli questi libri!!!! Non ne conosco neanche uno (che vergogna!!!) però mi hai incuriosita e li leggerò'!!!
    Grazie

    Ps: Papa' libraio??? Uhaooo......

    RispondiElimina
  9. che bello avere un papà libraio!!!! io ci vivrei in una libreria e uno dei mie sogni appena laureata era quello di aprire una libreria caffè;-)) il mio papà lavorava in banca ma la passione per i libri me la trasmessa e da quando sono piccolissima mi regala libri bellissimi!! io sto cominciando a farlo con mio figlio e ne abbiamo già una discreta collezione. Mi segno i tuoi consigli perchè ne sono sempre a caccia! Anche io regalo spesso libri ma, apparte quelli di mio papà, ne ricevo sempre pochi e non riesco a capire perchè??! :-((

    RispondiElimina
  10. Adoro regalare e ricevere libri, credo siano un nutrimento fantastico.
    Come i tuoi post d'altra parte:)
    Buone Feste a tutti voi cara ed a presto.

    RispondiElimina
  11. Non c'è che l'imbarazzo della scelta, bellissimi!Conoscevo solo quello del pappagallo!
    Ti auguro buone feste e ci terremo aggiornate su Instagram!:-)

    RispondiElimina
  12. Prendo appunti per i libri per bambini...

    RispondiElimina
  13. GRAAAAAAAZIE!!!!!!! io sempre alla ricerca di libri e di Parigi...passando nel mio blog qualcosa si intuisce ...GRAZIE GRAZIE GRAZIE

    RispondiElimina