13 dicembre 2013

faccio un bilancio? No, meglio un riassunto

E così questo duemilacredici sta finendo.
Posso dire EVVIVA?!
E' stato intenso. Tosto. E non proprio simpatico.



GENNAIO
si riassume qui e qui.
Abbiamo iniziato con questo. Ed ero ovviamente convinta che avrebbe funzionato.
E non avevo mai fatto tanta fatica ad accettare che mi sbagliavo.



FEBBRAIO
E' stato delusione. Ma un pò più di senso di realtà.
Per il resto è stato il mese del carnevale, delle elezioni peggiori di sempre e anche di uno speciale San Valentino.
Un mese colorato. Un mese assurdo.


MARZO
Le piccole grandi cose e i problemi lavorativi, fortunatamente quasi risolti.
E questo post, buttato giù di getto. Poi ci si rende conto. Che non è proprio così semplice la cosa. Che sei semplicemente tanto stanca. E hai bisogno di fermarti un pò.


APRILE
E' sempre un bel mese. Abbiamo viaggiato, sognato e festeggiato. Un tris vincente.
Ho scritto di una cosa di cui parlo poco.
Ad aprile c'è la primavera, vedi tutto rifiorire e il bello sta proprio qui.
E poi ci sono i grandi interrogativi. E il senso di quello che faccio, che ancora adesso non trovo.


MAGGIO
Il MammaCheBlog!
Ancora festa e l'arrivo della Nina. Che amiamo molto ma è un pò un #gattominchia.
E poi il bello di buttarsi su qualcosa di nuovo. Sperando che possa funzionare.
(Poi no, non funziona, caro duemilacredici dei miei stivali.)


GIUGNO
Mi hanno rubato tutto. 'Sti stronzi. Scusate, ma ci sta.
Ed ero di nuovo in coda in ospedale. Perchè sono una maledettissima testa dura.


LUGLIO
E' da sempre il mese freechild.
E' il mese della luce e quindi delle foto. Del calore e del sole.
E poi è tutto qui.


AGOSTO
Il mese delle vacanze 1 e vacanze 2. Il mese migliore dell'anno.
Eravamo in quattro quel mese. Non lo sapevo ancora e scrivevo questo post.
Ho letto libri grandiosi.
Lo sapevo da due giorni quando si è sposata lei. E anche se non era un vestito lungo e plissettato era proprio come me l'ero immaginato.


SETTEMBRE
E' stato solo una cosa. Il post della gioia.
Una cosa immensa e impalpabile.

OTTOBRE
Vince il primato come mese più schifoso della mia vita.
Di sempre.
Vaffanculo.


NOVEMBRE
Piano piano. Foto e un cominciare a convivere con quello che è successo. Che a giorni riesce, altri sembrerebbe di no.
E poi Londra per il mio compleanno. Io e lui.

DICEMBRE
Trasloco. Tristezza. Per fortuna che è Natale.
In realtà non vedo semplicemente l'ora che questo cavolo di duemilacredici lasci spazio a qualcosa di nuovo. Perchè mi ha proprio rotto le palle.

Comunque sono coraggiosa. Oggi è venerdì 13 e scrivo questo post.


Chi mi fa un bel riassunto del suo duelìmilacredici?!

32 commenti:

  1. Il duemilacredici è stato una mia personalissima delusione, perché io ci credevo. L'ho caricato d'aspettative, forse troppo grandi per un anno solo. E' stato duro, faticoso, lavorato. Sono felice, ti dirò, che finisca. :)
    Siamo pronte per un nuovo inizio, no? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io l'ho caricato troppo. Troppissimo.
      Sì, deve essere un nuovo inizio.

      Elimina
  2. Anche io sono tanto felice che finisca..insieme al 2012 sono stati una bella accoppiata di anni rognosi, faticosi, tristi, pieni di aspettative deluse, strade in salita, salita , salita sempre salita. Ora è da un pò che cammino in pianura e avrei proprio tanto voglia di un pò di discesa.. la auguro anche a te per il 2014!!! Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella la pianura, grazie è l'augurio migliore che potessi farmi!

      Elimina
  3. Non vedo l'ora che passi.
    Perchè? una cugina che è un pò come una seconda nonna, ha inizato a stare male e ci sta lasciando; i miei genitori si sono separati e mia madre da sei mesi è uno zombi; a una mia cara amica, quasi mia coetanea, è stato dignosticato un fot...ssimo (non riesco a non dirlo) mesiotelioma con tumore secondario ai polmoni e ora lotta con coraggio e speranza; l'Alpmarito ha perso il lavoro e per ora non l'ha ritrovato e in più siamo in causa con la ditta per ottenre la disoccupazione e il TFR; la mia nonnina passa da una influenza all'altra e ogni volta fatica sempre di più ad uscirne; mio zio idem; le entrate famigliari non si sono dimezzate, di più; abbiamo comprato una casa totalmente da ristrutturare perchè no, non ci aspettavamo la perdita del lavoro; le vacanze non sono state tali; il clinma socio - economico del paese fa schifo; nonostante mi sforzi in ogni modo di coltivare amicizie nuove e non perdere le storiche, agli altri non sembra interessare altrettanto; ci è nato un cuginetto in famiglia: era fortemente prematuro, hanno sbagliato ha fargli la flebo, ha avuto una brutta infenzione, si è salvato ma gli hanno amputato un braccino...grazie sanità italiana; le tensioni e preoccupazioni stanno seriamente minando il mio rapporto di coppia e infine, qui lo dico e qui lo nego, abbiamo iniziato la ricerca di un fratellino / sorellina che però, forse perchè ha capito che aria gira, non sembra intenzionato ad arrivare. Insomma, vedi tu!
    Di buono, però, c'è il nano e i miei nipotini e nipotine, bellissimi ed il fatto che voglio voglio voglio fortissimamente credere in un futuro migliore.
    ecco, ora mi viene pure da piangere.

    RispondiElimina
  4. scusa...ho esagerato.se vuoi cancella.
    Ammiro il tuo coraggio e la tua forza e sono certa che il trasloco darà il via al positivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati se cancello! Spero davvero che la tua amica possa incontrare una magia che faccia scomparire il male.
      Spero che la tua famiglia possa trovare un pò di pace.
      Che il cuginetto possa vivere sempre con il sorriso. Che vale più di un braccio.
      Spero che la situazione lavorativa migliori, per tutti, e prima di tutti per i nostri figli. Spero che il vostro sogno del cassetto, che assomiglia tanto al mio possa avverarsi. E che possa essere solo gioia.
      ti abbraccio davvero forte.

      Elimina
  5. Il 2012 era stato un anno molto brutto, orribile, faticoso, sapevo che sarebbe stato faticoso anche il 2013 ma ci ho creduto tanto, poi un gran freddo, il 17 marzo tornavamo da Roma e nevicava, Papa Francesco, andammo al primo angelus, infondeva coraggio e gioia e ho continuato a crederci, poi certo è stato l'anno di Natallia, il suo momento arrivo a giugno, il suo tutto, ma è stato anche troppe altre cose storte, piccole rogne che a sommarle si stratificano e rendono un macello il quotidiano. L'anno in cui doveva uscire il mio secondo romanzo invece è stato rimandato, l'anno in cui c'è questo grosso peggioramento nella malattia di mio padre, l'anno di grosse tensioni familiari, amicizie di lunga data spezzate, un sacco di sfiducia nella gente. Insomma un po' una fregatura questo 2013 che ha ora solo poche settimane per risalire.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio a te. E pensare a Natallia fa venire sempre il sorriso anche a me...

      Elimina
  6. Ti auguro di cuore uno splendido inizio ed ancora un migliore proseguo. Di cuore!

    RispondiElimina
  7. I tuoi post sono sempre splendidi e così carichi di emozione....
    Ti auguro un duemilaquattordici meravigliosamente meraviglioso.
    Io, fortunatamente, non posso lamentarli del mio duemilatredici e riesco a ricordarmi solo le cose belle cercando di dimenticare i fatti più brutti. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace, meravigliosamente meraviglioso!

      Elimina
  8. Io credo che sia un post bellissimo, l'anno un po meno!
    Ti auguro tanta fortuna per gli anni a venire :)

    RispondiElimina
  9. complimenti per il post... strutturato mese mese ... mi hai dato un'idea...
    e foto bellissime....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma il tuo blog è diventato privato o non c'è più?

      Elimina
  10. Sì, il 2013 lo saluto volentieri è l'anno del lutto e del dolore anche per me.
    Speriamo che il nuovo anno sia migliore, per tutti.
    Giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusi ti abbraccio forte e ti auguro di poter vivere con il sorriso...

      Elimina
  11. Tesoro...sarà un lapsus freudiano...hai scritto "duemilaCredici"
    Guai a te se lo correggi, è meraviglioso!

    RispondiElimina
  12. Ci sono degli anni che ti marchiano a fuoco il dolore. Ma si rinasce. Si rinasce. Ti auguro degli anni meravigliosi.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara amica. L'augurio è reciproco...

      Elimina
  13. Anche da queste parti il 2013 è stato un anno tosto. Speriamo davvero che il prossimo sia migliore!!!
    La gatta Nina è deliziosa: irresistibile in quella foto! Ma anche la super torta di fragole merita ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì era appena arrivata in quella foto!

      Elimina
  14. Mi accodo, anche per me il 2013 è stato una fatica, una salita continua e per adesso anche un po' una delusione. Le nonne sempre meno sane, i genitori sempre meno giovani e più affaticati, due lavori cambiati e zero garanzie, un sogno nel cassetto (molto simile al tuo) che a quanto pare vuole farci aspettare....
    Forza 2014, ti aspettiamo tutti con ansia.
    Ti auguro tanta splendida serenità con picchi di gioia matta :)

    RispondiElimina
  15. Il 2013 mi ha dato tanto, sembrava che mi stava ridano tutto quello che mie era stato tolto negli anni precedenti. Per poi? Togliermi tutto, ancora una maledettissima volta.
    Belle le tue foto, bella tu, spero che il 2014 sia per te e per tutte noi un anno migliore di questo.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  16. un calendario di foto: bellissimo!
    che il 2014 ti ripaghi di tutto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Il tuo bilancio è potente, non so ne avrei il coraggio.
    Il mio 2013 è stato molto molto faticoso, però io tendo sembre a vedere il bicchiere mezzo pieno...spero però di non accontentarmi troppo.
    Un abbraccio e buon 2014!

    RispondiElimina
  18. anche io dicevo a gennaio 2013=duemilaecredici.. e il mio mese più brutto, il più brutto della mia vita è stato maggio. al contrario di te per me ottobre è stato bello e pieno di novità: laurea e "lavoro".. ora attendo un bellissimo 2014.. incrociamo le dita!

    RispondiElimina