6 gennaio 2013

là su i monti - parte brutta

Bisogna partire dal presupposto che, per quanto ci sia stata una parte bella, dopo questa vacanza avrei bisogno di prendermi una vacanza.

La mia idea di vacanza presuppone riposo. E riposo vuol dire sonno. Avrò dormito quattro ore per notte. Per carità è sicuramente colpa mia, non me l'ha mica detto il dottore di fare tardi, ma guarda caso mentre mi divertivo con gli amici non sentivo la stanchezza ma all'alba quando il Piccolo Lui piombava nel nostro letto fresco e riposato mi svegliavo stanca. Ho quindi bevuto un sacco di caffè. Non mi fa bene, soprattutto all'umore, non ero interpellabile almeno fino a mezzogiorno.
E qui la compagnia che tanto mi piace l'avrei volentieri mandata a quel paese per una semplice ora di solitudine e silenzio.
Qui mi ricordo perchè le vacanze con gli amici non devono superare mai la settimana.

A questo va aggiunto il mio giovanotto che di solito ci mette almeno tre giorni ad ambientarsi in un posto nuovo e calcolando che siamo stati in montagna per un totale di cinque giorni tirando le somme possiamo dire di averne avuti due buoni.
Era tutto uno chifo. E quetto non mi piace. E non vojo. Sei brutta e cattiva. Cattivissima. No, no e no. Quetto è mio. No, adesso ce l'ho io. Pianti e tragedie per tutto. E pernacchie. Ultimamente vanno per la maggiore.
Lo porti sul bob ed è una frigna. lo trascini dentro il bob così non frigna per camminare e si lamenta lo stesso. Lo porti in alto in alto e la neve è fredda. C'è il sole e non va bene. Ma ovviamente non vanno bene neanche gli occhiali.
Veramente insopportabile. Da non vedere l'ora che andasse a letto. Lui lì non ci voleva stare.
Passati i tre giorni canonici non voleva più venire via.

Poi c'era l'altro bambino. Di un anno e mezzo. In città vanno d'amore e d'accordo. Chiusi nella stessa casa sperduta tra i monti erano delle belve. Una lotta continua, e dato che il mio è grande il doppio passava facilmente dalla parte del torto.
Questo micro nanetto è abbastanza insopportabile di suo, lo so che non si dovrebbe dire ma è davvero così, e sua madre non è proprio la tranquillità e la positività fatta donna (quindi da qui sorge il dubbio esistenziale di sempre: il bambino è difficile perchè la madre è un casino o la madre è un casino perchè il bambino è difficile?).

Lei, io non la capisco molto. Le voglio bene ma non capisco. Non lascia che nessuno l'aiuti. Però non le va bene niente. Vai a farti un pomeriggio di spa e dopo mezz'ora ti guarda e ti dice: "forse dovremmo tornare dai bambini"... ma come tornare dai bambini?????? Passi la giornata a dire a tuo figlio, sì proprio a un nano di un anno e mezzo, che non ce la fai più, ce non lo sopporti più e appena hai due minuti per te vuoi tornare da lui? Col cavolo. Adesso stai qui almeno due ore.
A volte bisogna imporsi.
Io da madre degenere che sono sarei rimasta anche di più senza nessun senso di colpa.
Perchè i nostri figli stanno bene anche senza di noi.
Soprattutto se noi siamo stressatissime. Almeno così la vedo io.

Altre cose negative? La totale assenza di connessione. Eravamo in una specie di buco nero, una valle isolata dove nulla di tecnologico funzionava. Riuscivo a usare instagram solo da 2.500mt di altezza.  Ho realizzato di esserne un pochino dipendente, e non ne sono molto contenta.
Detto questo non intendo interrompere la mia dipendenza.

Ma la cosa più difficile è stata la mattina del primo gennaio. Troppo vino la sera prima. Troppi bambini urlanti e festanti (perchè i tre giorni erano passati) e troppa gente in generale. Era da tempi memorabili che a Capodanno non festeggiavamo nel vero senso della parola (quando parlo di festeggiamenti degni di questo nome mi riferisco a una una valle deserta e una cena improvvisata. Rispetto agli ultimi capodanni vi assicuro che per noi erano festeggiamenti in grande stile. Ovviamente sono stata in calzettoni tutta la sera).
La mattina dopo è stata durissima, credevo davvero che non ce l'avrei fatta ad arrivare a pranzo.
E invece eccomi qui.
Non ho più vent'anni. E' ufficiale.
Ma abbiamo già detto che l'anno prossimo replichiamo.
Barcolliamo ma non molliamo.

Ai buoni propositi per l'anno nuovo non ho ancora pensato.

Però siamo tornati a casa nostra. E questa è una cosa bella.
Domani torno al lavoro. Meno bello di sicuro.



28 commenti:

  1. .....però inevitabile.....la parte brutta io non l'ho letta comunque!!!!!! Secondo me e' stata una bellissima vacanza!!!! Ben tornata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine sì! la vacanza è sempre bella anche se bisognerebbe trovare un termine adatto alle vacanze con pargoli che renda l'idea!

      Elimina
  2. Oh ma la parte bella e' decisamente superiore alla brutta!!

    RispondiElimina
  3. che bello che c'è qualcuno che racconta anche la parte brutta, chissà perchè tutte tendono a celarla ;)
    bentornata e buon ritorno a lavoro!

    RispondiElimina
  4. X il prox anno meno vino qualche aspirina x affrontare la mattina e via.... i bambini saranno un pò più grandicelli e andrà meglio. ps: io sono dell'idea: il bambino è difficile perchè la madre è un casino. Baci buon rientro x domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero?! anche se in fondo in fondo siamo tutti un pò un casino o no?!

      Elimina
    2. Siii ognugno ha il suo di "casino"...:-)

      Elimina
  5. casa dolce casa...
    trovare i ritmi giusti fuori è sempre un pò complicato...

    RispondiElimina
  6. Il fatto e' che con i bimbi piccoli non e' mai una vera vacanza... Pero' da quello che scrivi e dalle foto credo siano state + le cose belle delle brutte o no?

    RispondiElimina
  7. con i bimbi piccoli è dura fare una vera vacanza, per questo il mio sogno finora irrealizzato è una vacanza in un posto tipo club med o simili dove i bimbi giocano e si divertono con altri bimbi (mentre i genitori respirano per qualche ora al giorno)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non amo molto quel tipo di vacanze però sono sicuramente perfette per dormire!!

      Elimina
  8. oddio, io mi sono un fatta un viaggio in Italia con il pupo... lui è stato relativamente bravo (è pur vero che è piccino) ma stressate per colpa degli altri! Casa dolce casa... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ricordo! Credo anche di averti scritto di resistere e non mollare, di portare il tuo piccolo con te in giro che alla fine gli fa bene. Sono sempre dell'idea, ovviamente se me lo avessi in quei primi tre giorni forse non avrei detto così!!

      Elimina
  9. Ben tornata e buon inizio.
    Raffaella

    RispondiElimina
  10. Bentornata! E buon inizio anno, settimana... Buon tutto! Ne hai bisogno! Anch'io sono tornata cotta, anche se ho dormito non poco!
    Ciao Moni

    RispondiElimina
  11. Due ore di relax con le amiche valgono un pò di caos, giusto?
    Un bel modo per incominciare un anno speciale come il 2013, perchè sarà certamente super, me lo sento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente! e comunque sono riuscita a trattenerla per due ore e mezza! Grazie per tutto e un bacione

      Elimina
  12. Mai dire mai al vino.....anche se ci sono effetti collaterali!!!!!

    RispondiElimina
  13. Io spero che il prossimo dicembre non replichiate perché sarà appena nata la sorellina del tuo fantastico ometto!
    Daniela

    RispondiElimina