26 settembre 2013

Figlia? Aiuto.

La domanda più frequente di quest'ultimo periodo è: allora sai già cos'è?
E sì, a dieci settimane e una pancetta che sembra più dovuta all'abbuffata della sera precedente che alla presenza di un mininano, certo che lo so. Sono bravissima a prevedere il futuro.
Cosa ti senti? Come se potessi dedurre da quel gusto ferroso in bocca con cui convivo se è maschio o femmina. Non lo so.
Con il secondo figlio sembra che saperne il sesso diventi la cosa più importante. Spesso prima ancora del come stai.
Perchè pare che se fai la coppia bene, se fai doppietta, beh peccato.
Sembra una follia agli occhi degli altri, ma quando passi tanto tempo a cercarlo questo secondo figlio, che sia un altro maschio o una femmina è l'ultimo dei tuoi pensieri.
Tu lo vuoi e basta, che sia quel che sia.

Però adesso che mi ci fanno pensare tutti, credo che se si potesse scegliere forse vorrei un altro bambino.
Perchè?
Perchè una bambina sarebbe una figlia.
Sarebbe un rapporto madre-figlia.
Ed è la relazione che io considero più difficile in assoluto. Per esperienza.
Non che crescere un uomo giusto e rispettoso al giorno d'oggi sia una passeggiata. Ma è sicuramente diverso.
Madre-figlia è un rapporto intenso, intimo, femminile, un rapporto tra donne.
E come tutti i rapporti tra donne, complicato. Con delle potenzialità incredibili, come solo i rapporti tra donne sanno essere, ma complicato.
Non so se sarei pronta.

Da figlia non ho mai vissuto un giorno della mia vita in modalità "una mamma per amica". Per quanto mia madre sia una persona splendida. 
E' una donna in gamba, piena di energia e buon cuore. Molto gentile. Di quelle gentilezze anche un po' esagerate, per non dire fastidiose.
Semplicemente non abbiamo mai connesso.
O meglio, forse lei avrebbe anche voluto ma io ho sempre alzato un muro.
Perchè? Non lo so.
Forse perchè non mi sono mai sentita molto a mio agio con lei. Non sono mai stata davvero me stessa, un pò perchè era più facile, un pò perchè difficilmente lei stava dalla mia parte.
C'è stato il periodo in cui mi adattavo ad essere come voleva lei per non deluderla.
C'è stato il periodo in cui ho cominciato a vederla come una debole. Troppo. E trascinava tutti nella sua debolezza.
C'è stato il periodo in cui non ne sentivo per niente la mancanza.
C'è stato il periodo in cui ci siamo scontrate di brutto. Ancora adesso, che sono qui a sdrammatizzare i miei drammi adolescenziali da sola, le rimprovero dentro me di non esserci stata. Di non aver provato a capire tante cose. Di aver sempre sminuito e ridicolizzato. Di non aver ascoltato senza interrompere in continuazione. 
Lo so, non sono mica l'unica. Alzi la mano chi non si è sentito così a 15 anni.
Sta di fatto che non è mai stata una mia confidente. Non è mai stata il mio punto di riferimento. La spalla dove piangere il primo amore finito. La persona con cui comprare un vestito per sembrare più carina. Con cui condividere un pomeriggio di chiacchiere senza guardare l'orologio. Non sono mai riuscita a spiegarle cosa si prova a cercare un figlio che non si decide ad arrivare, e se ci provavo la sua conclusione era: "devi solo smettere di pensarci". Ecco, ho detto tutto.
Troppo lontane come mondi? Può essere.
Troppo bisognosa di indipendenza io? Può essere.
Sono felice che non sappia di questo mio piccolo spazio di scrittura. Non vorrei che leggesse queste cose. Non voglio incolparla ora, l'ho già fatto abbastanza.
Devo lasciarla andare. Proprio come scriveva la Gamberale nel suo libro.
Probabilmente sono io che non funziono a dovere. Che non so relazionarmi con lei.
Non so accettare che siamo diverse e prendere il bello da questa diversità.
Abbiamo un rapporto civile, ora che siamo donne entrambe, ci vogliamo molto bene, ma siamo anni luce da quello che intendo io per un riuscito rapporto madre-figlia.
Forse semplicemente sono io che ho un'idea sbagliata. Aspettative troppo elevate. Illusioni.
Forse è davvero troppo essere madri, figlie e amiche allo stesso tempo.

Sta di fatto che sotto sotto vorrei anche provare ad essere io la madre di una figlia.
Ma se non dovesse succedere credo che tirerò un sospiro di sollievo.

51 commenti:

  1. Ma dài! Speriamo che sia femmina! Condivido tutte le tue riflessioni...
    ... e speriamo che sia sana/o!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che effetto mi fa questo post! Hai descritto come meglio non avrei potuto le dinamiche del mio rapporto con mia madre. Impressionante, in ogni virgola. Vorrei tranquillizzarti, dirti che io che ho una femmina mi trovo benissimo ed è più semplice di quanto si possa pensare, ma proprio perchè condividiamo quel pregresso, evito di mentire. La mia bamba è ancora piccola, per adesso io sono il suo mondo, ma poi crescerà e le paure prenderanno forma. Ciò di cui sono certa è che sapremo fare del nostro meglio.
    E speriamo che sia femmina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! ti scopro con grandissimo piacere! grazie per il tuo commento!

      Elimina
  3. anche il mio rapporto è stato diversissimo da quello del telefilm, eppure mia mamma era una poco più che ventenne quando mi ha avuta, per cui poca distanza. Solo...caratteri differenti, io un po' orso per dirle tante cose, dando per scontato che lei comunque mi potesse capire, lasciandomi sola soletta. E spero che Marta si relazioni diversamente da come ho fatto io, con la sua mamma...lo spero con tutto il cuore!
    Una figlia femmina per me vuol dire anche...isterismi pre-mestruali raddoppiati! poveri papà :-)

    RispondiElimina
  4. Non so che dirti, i primi mesi della mia seconda gravidanza ero certa che avrei avuto un secondo maschio poi e' arrivata lei ed e' stato travolgente. Ha solo cinque mesi e sento di aver costruito già un rapporto speciale. Quando mi guarda, mi sorride e sento la sua complicità. Speciale, meravigliosa.

    RispondiElimina
  5. io non ho il paragone, sono mamma di una bimba che mi fa scoppiare il cuore, con cui per ora ho un intesa spettacolare. Anch'io volevo un maschio ma semplicemente perchè eravamo tre sorelle e volevo capire il rapporto con un maschio e poi avevo un nipotino che mi faceva impazzire di amore . Poi è arrivata Giada e mi piace un sacco, anche perchè conoscendo le dinamiche a volte ho la speranza di non commettere certi errori, sicuramente ne commetterò altri. Io credo che non è solo il sesso a determinare la facilità o difficoltà del rapporto ma il carattere e la sensibilità di chi si scontra con quel carattere. Detto ciò io penso che la coppia maschio e femmina può essere bello per un genitore ma due dello stesso sesso è più facile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io penso anche che se fosse un altro maschietto forse legherebbero di più, del resto hanno 5 anni di differenza... ma se faccio questi discorsi sembro la signora per strada che mi chiede cos'è!

      Elimina
    2. secondo me hai ragione. noi siamo tre sorelle e lo trovo fantastico....però una, quando avevo 15 anni arrivarono questo fratello e sorella che camminavano abbracciati...sembravano fidanzati , ma la somiglianza tradiva il reale legame. Stupendi e avevano 4 anni di differenza. poi io da giovane avrei voluto un fratello maschio che magari mi presentava i suoi amici fighi come nei telefilm...tutte sciocchezze insomma. ma che ci stanno.

      Elimina
    3. mio fratello me ne ha sempre portati a casa di brufolosi!!!

      Elimina
  6. Noi non abbiamo volto sapere il sesso di nessuno dei due nostri figli, con la prima gravidanza non ho mai avuto sensazioni de tipo "credo che sia...", con la seconda qualcuna sì, vista la forza e il vigore con cui si muoveva, da lasciarmi senza respiro, ma la gine diceva che era per via dell'utero, non più tonico come la prima volta.
    In ogni caso non ho mai sperato in un genere o nell'altro.
    Ho la coppia, e sono felice di poter vivere questa genitorialità bi-gender, ma sarei stata altrettanto felice se fossero stati due maschi o due femmine.
    in ogni caso, so che spesso il nostro vissuto e le nostre esperienze tendono ad influenzarci, ma la vostra storia è vostra, nuova, unica e magicamente imprevedibile!
    Ed è bello lasciarsi stupire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei tanto avere la tua capacità di aspettare. Non ci sono riuscita nemmeno con il primo! Me lo farò dire, in ogni caso sarà puro stupore!

      Elimina
  7. questo tuo post è splendido e riassume benissimo anche il rapporto che ho avuto io con mia madre (e che in parte ho ancora). Però quando è nata Amalia io (che volevo una femmina) sono stata contentissima. Per ora so che il rapporto è semplice, io e il papà siamo il suo mondo però a volte la mamma la guarda in un modo strano, direi complice ma non so se sia proprio così. Fatto sta che sicuramente arriveranno i problemi e gli scontri tipici di uan relazione madre-figlia ma ci penserò quando sarà il momento :-) e se la tua bimba dovesse essere femmina sta sicura che sarà bellissimo!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Io desideravo immensamente una femmina, forse proprio per esorcizzare il rapporto pesante avuto con mia madre.
    Hai ragione a dire che occorre lasciare andare, per evitare di buttare certi fardelli addosso ai nostri figli. Certo non è facile.
    Se questa bambina arriverà, sarà molto fortunata perché la sua mamma le sta già preparando il terreno migliore per diventare una donna serena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è facile per niente.
      Grazie Marzia!

      Elimina
  9. Ho sempre desiderato un maschio, ma nel momento in cui son rimasta incinta ho cambiato idea, se così si può dire! Ho una figlia, ha due anni e ancora non so come sarà l'adolescenza,ma mi rendo conto che comunque ho aspettative. Non che debba diventare medico o avvocato, no, ci penserà da sola. Voglio che sia indipendente, mi faccio male da sola pur di non aiutarla nelle cose che può fare sola. Adesso siamo nella fase capricci-ti sfido e son stanca di sgridare e punire, ma so che le farà bene, che sarà una persona e una donna migliore. So benissimo che se fosse arrivato un ometto sarei stata più indulgente. Che lo avrei spogliato io, che lo avrei rivestito io, che sarei stata a suo servizio, insomma. Per questo, se penso ad un ipotetico secondo figlio rivorrei una figlia, per evitare discrepanze, per non far credere a favoritismi. Però lo so che un rapporto alla "mamma per amica" sarà difficile e complicato crearlo, ma non dispero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io conto molto anche nell'indipendenza del maschio... E nella capacità di tirar su un uomo che un giorno sarà degno di questo nome. Mica facile nemmeno questo!!

      Elimina
  10. come ti capisco, erano le mie stesse paure, ma si sono dissolte nel momento stesso in cui l'ho toccata per la prima volta. Io non sono mia madre e lei non è me. Sarà tutto diverso, forse peggio, ancora non lo so, ma voglio provarci!
    Poi forse sarà maschio, chi lo sa, banalmente (?) l'importante è che sia sano, ma non ti preoccupare se dovesse esser femmina, ce la farai alla grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, non importa cosa sarà, semplicemente non vedo già l'ora di toccarlo/a.

      Elimina
  11. Questo post è meraviglioso! Il rapporto con mamma non è stato una passeggiata nemmeno per me, ma ora, finalmente, credo di essere riuscita ad abbattere buona parte di quei muri che avevo innalzato per ragioni simili alle tue, ho finalmente realizzato che io ci ho messo del mio.
    Rimane il fatto che la paura di una bimba attanaglierebbe anche me, con il desiderio di mettersi in gioco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava, io ci sto cominciando a lavorare e sicuramente la lontananza non ci aiuta... Anch'io ci ho messo e continuo a metterci molto del mio!

      Elimina
  12. Io ho due maschi, ma devo ammettere che se potessi averne un terzo vorrei fosse femmina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comunque vada mi fermo a due senza dubbio!!!

      Elimina
  13. Beh ma non è mica matematico che come ti sei sentita da figlia si sentirà la tua... anzi, sapendo come si sta male saresti una mamma molto attenta, almeno a non farla soffrire per quello che ha ferito te.
    Io ho una figlia: la amo! Certe volte mi capisce come nessuno mai e ha solo 5 anni e mezzo. Certo so che la parte difficile arriverà dopo (io e mia mamma ci siamo tanto amate ma in due momenti è stata dura: il mio primo amore e quando sono diventata mamma, ma ci stiamo lavorando) Insomma comunque vada sarà un successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente, ma non ho grandi esempi da cui partire, ho sempre fatto casino nei rapporti con le donne!

      Elimina
  14. Io ho avuto e ho tutt'ora un bel rapporto con mia mamma. Sincero.
    E, per ora, mi sembra di averlo anche con le mie tre Gnome, ma sono ancora piccole. La complicità non manca.
    Ma, per stare sul sicuro, ho sentito che la mia ped-guru, specializzata in comportamenti dell'adolescenza, terrà un convegno su questa "terribile" età: ho deciso che sarò in prima fila!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, sincero è proprio l'aspetto che sto cercando di migliorare, hai centrato il punto. In passato non lo è stato per niente e a volte è difficile ripartire con tutto il sommerso e lasciarsi alle spalle il passato... Scrivi un post su quel convegno, tornerà utile!

      Elimina
  15. Quella ragazzina sofferente, ridicolizzata e incompresa l'ha perdonata e oggi, visto che è anziana, le faccio da mamma <3

    RispondiElimina
  16. eh si, con le figlie e' tutto piu' complicato, ne sono convinta anch'io. Per ora mi godo la pupattola, ma gia' la vedo che mi insegue per casa con le ciabatte dicendo 'Mammmmaaah' con tono di rimprovero, e mi vien male a pensare a come sara' tra qualche anno tra noi due ;-)
    Ma comunque sia, sara' un successone, tranquilla :-)

    RispondiElimina
  17. Ho avuto ieri il risultato delle beta hcg, sono ancora nella fase dell'incredulita' ... Per ora mi dico che sia maschio o femmina basta che SIA. Tra qualche settimana forse inizierò anch'io a sognare ad occhi aperti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come capisco quel basta che sia!! in bocca al lupo, le notizie meravigliose come queste migliorano le mie giornate!!!

      Elimina
  18. Non chiedermi il perché, ma é da quando hai detto di essere in attesa che son convinta che sia una femmina. Su questo posso sbagliare, eh XD
    Ma su una cosa non sbaglio: le femmine sono streghette....hanno 5 marce in più....
    Tanti baci

    RispondiElimina
  19. ma quanto è vero questo post! I rapporti madre e figlia sono davvero complicati, difficili da gestire, e questo da subito. Io amo mia figlia ma già so che ci scontreremo parecchio ed io andrò a yoga per trovare la calma necessaria ad affrontare la sua adolescenza ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava, yoga, forse sono in ritardo di qualche anno per sopportare mia madre ma potrei cominciare ad allenarmi in caso diventassi madre di figlia a mia volta!

      Elimina
  20. Ciao sono Manuela, ho un blog da poco, forse già ti avevo scritto in qualche post ;-) ogni tanto vengo a leggerti e mi piace davvero il tuo modo sia di scrivere che di fare le foto...mio marito è un nikonista ;-) ieri ho letto questo post che mi ero persa...che splendida notizia...che dire dato il tuo trascorso nella ricerca di questo seconde bebè sono molto molto felice per te e ti faccio un in bocca al lupo per tutto...bhè per quanto riguarda maschio o femmina io ho un maschietto di quasi tre anni, fortemente desiderato maschio tanto che me lo sono sentita da subito che lo era, chiamiamolo sesto senso o altro ma lo sapevo...ero terrorizzata che fosse femmina proprio per le stesse tue motivazioni, il rapporto madre-figlia non so se saprei gestirlo...se avrò un secondo figlio vorrei fosse maschio anche io un pò per vedere quanto diversi possano essere nonostante lo stesso sesso un pò perchè la coppia maschio-maschio o femmina-femmina trovo che per loro possa essere più facile da gestire proprio nel rapporto l'uno con l'altro...detto ciò ti auguro una splendida gravidanza e goditi questo nuovo stato di grazia che ti meriti davvero...un bacione buona giornata...Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Manuela! Capisco perfettamente il tuo commento, la penso proprio così!

      Elimina
  21. difficilissimo rapporto, anche per me molto molto problematico e senza soluzione...forse saebbe stato utilissimo avere una figlia, e invece me ne sono capitati ben tre di maschi. Si vede che non era destino....

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Scusa l'errore ma scrivo con lei in braccio!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao Ceci! Bel post come sempre, mi sembra di leggere il rapporto tra me e mia mamma. Anche io quando aspettavo il secondo speravo fosse maschio e le mie speranze si sono realizzate. Col terzo speravo fosse ancora maschio anche se volevo "provare" la femmina. Io con una figlia? Omg non sono capace, non sono pronta, invece è arrivata. Adesso c'è e sono terrorizzata. E' tutto diverso, mi sembra tutto difficile. Vorrei solo avere con lei un rapporto che si possa chiamare tale, quello che a me forse è mancato, forse invece non l'ho voluto, boh non so... vedremo! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono certa che te la caverai alla grande, sei una donna fantastica e credo sia già un punto a vostro favore!!!

      Elimina
  25. Cecilia tu sei una persona meravigliosa e se avessi una figlia potresti costruire un rapporto totalmente diverso da quello avuto con tua madre...quasi fosse un riscatto!
    Io aspetto una bimba, se fosse stato maschio saremmo stati felici lo stesso, viste anche tutte le vicissitudini vissute, ma sono contenta che sia una lei perchè la mia mamma mi ha insegnato e mi insegna ancora adesso tanto e non vedo l'ora di poterlo trasmettere a mia volta...cmq alla fine quello che conta è che daremo ai nostri pargoli tutto ciò di cui avranno bisogno....lo so! ;)
    Kiki

    RispondiElimina
  26. Com'è che m'ero persa questo post?
    Anche io sarei spaventatissima di svrtr una figlia e leggendo le tue motivazioni ancora di più! !

    RispondiElimina