8 maggio 2013

thank you Milano

Milano non la conosco per niente. E' sempre stata una meta di passaggio.
Magari c'era la scusa di una mostra e una volta vista risalivo in macchina e arrivederci. Magari era la pausa forzata tra un treno e l'altro a farmi fare un giretto veloce. Magari era un concertone, ma anche in quell'occasione andavo a divertirmi e me ne tornavo a casa come se non ci fosse altro.
Credo di aver visto un paio di volte la piazza del Duomo, ma ci ero capitata sicuramente per sbaglio.
Diciamo sinceramente che Milano non mi ha mai fatto molta voglia.
Lo stereotipo della città grigia l'ho sempre fatto mio.

Lunedì ci sono andata con un spirito nuovo.

Scesa dal treno sono andata a prendere la metro.
La pioggia non l'ho nemmeno vista. Ma c'era, giusto per non smentire troppo gli stereotipi.
Era l'ora di punta e mi sono lasciata andare. Ho liberato la mente, affollata da mille pensieri misti ad eccitazione per quello che mi aspettava, e ho solo osservato, con il mio spirito che sbarcato nella metropoli italiana diventa molto provincialotto.
C'era di tutto e di più, come è giusto che sia.
Uomini eleganti e donne con un tacco che io nemmeno alle grandi occasioni in notturna riuscirei a gestire. Ragazze stilosissime e altre che vorrebbero ma proprio non gli riesce (tra l'altro, ma stanno tornando prepotentemente gli anni '80 o sbaglio? No perchè ci sono cose che rimangono orrende e che era giusto aver superato, giusto così per dire). La coppia di amanti, che non riesce a resistersi e si bacia appassionatamente, per poi guardarsi furtivamente intorno per accertarsi che non ci sia l'amico del collega della moglie (ci tengo a sottolineare che parlo di baci con tanta lingua e palpeggiamenti vari, cose che chi non ha un amante difficilmente fa alle nove di mattina). Mamme con passeggini e una nonchalance che io in quel delirio non saprei avere con nano al seguito. Veli islamici ad incorniciare visi bellissimi che contengono storie. Occhi a mandorla, tanti, ma che, non so come, riescono sempre a passare inosservati. Gente attaccata a dispositivi elettronici di qualsiasi genere, purchè connessi. E questa è la gente più varia.
Poi scendi a Porta Garibaldi e il naso è per forza all'insù ai suoi nuovi grattacieli. E se provi a fermarti un attimo a guardare quelli che escono dalla metro dopo di te ti rendi conto che ci sono due categorie: quelli come te, che escono guardando in alto e un pò la bocca è aperta, e quelli abituati, i locali. Questi di lì ci passano sempre e magari raramente per piacere, il loro sguardo è dritto per individuare la miglior traiettoria tra la folla per sgattaiolare fuori oppure al massimo è ancora tutto per quell'aggeggio tecnologico a cui erano già incollati nel mondo sotterraneo.
Ti ritrovi a una specie di colazione di lavoro, con uno di quei milanesi molto di Milano, in un bar che propone un ambiente e una colonna sonora degna delle notti folli dell'Hollywood. Uno style che io non sono in grado di cogliere. Scusate, sono le nove e trenta del mattino.
E poi è arrivato un ufficio più serio e più persone.
Di fronte all'ufficio un parchetto per bambini pieno di verde e ti stupisci, caspita, ma gli alberi crescono anche a Milano!
E in quest'ufficio pieno di quadri alle pareti è arrivato il bello.
Non è che l'ho vista molto Milano, probabilmente meno di altre volte. Però l'ho guardata diversamente.

Ho portato un' idea, un progetto.
E' piaciuto. Perchè valido.
Ora si parla seriamente di studiarne la fattibilità.
Work in progress. 
Dovrò trovare il tempo, probabilmente inventarmelo per sviluppare il tutto e farlo diventare concreto, ma l'energia c'è.

Thank you Milano.

La prossima volta (se ce la faccio, modalità finger crossed) è per il Mammacheblog Social Family Day...
Ho una voglia matta di collegare parole lette e amate a occhi e sorrisi!

50 commenti:

  1. Milano è una città da scoprire, ha molto da offrire sia per motivi lavorativi, vedi il caso tuo, sia in termini di gita, di visita. Io una capatina l'anno in estate la faccio, per visitare musei, per il Duomo, per la galleria, per il castello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, non sapevo ci fosse un castello a Milano!!! ;)

      Elimina
  2. Su Milano non ti posso dire niente perché non la conosco, pur essendo ad un paio d'ore di treno.
    Ma in ogni caso IN BOCCA AL LUPO per il tuo progetto!!!!!

    RispondiElimina
  3. Oh, mi sarebbe piaciuto conoscerti!!! quando qualcuno arriva a Milano mi sembra sempre di dover fare gli onori di casa! ahahha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prossima volta ti faccio sapere così mi fai da guida turistica!

      Elimina
  4. E io oggi ti rispondo proprio da Milano, attimo di pausa!
    Belli i progetti in progress :)
    Allora ci vediamo il 25/5?! Ma come vi riconoscerò tutte?!

    RispondiElimina
  5. In bocca al lupo per il tuo progetto!
    Milano e' la citta' del cuore della mia socia Mimma...lei potrebbe farti da guida e ti divertiresti un sacco in sua compagnia!!!

    RispondiElimina
  6. evviva per il progetto... e mi piacerebbe molto conoscerti di persona al social family day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso proprio di esserci, comprerò presto il biglietto del treno così non ho più scuse!

      Elimina
  7. Benvenuta :) Eh, lo skyline de noartri, mica male!!! :D

    RispondiElimina
  8. anche io non amo Milano, così grigia, così fredda e troppo lontana dal mio modo d'essere. Ci ho vissuto due anni, subito dopo la laurea perché solo da Milano, fresca di laurea, ho ricevuto delle risposte positive dopo aver spedito cv ovunque. Nonostante tutto credo che sia uno dei pochi posti in Italia in cui forse si riesce ancora a realizzare qualcosa lavorativamente parlando. In bocca al lupo per il tuo progetto e spero davvero di poterti conoscere il 25!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ci vivrei mai, devo essere sincera. Troppo grande, troppo caotica. Se tutto va come deve andare ci dovrò andare qualche volta, ma vivendola così forse mi sembrerà meno grigia!
      Faccio di tutto per esserci il 25!

      Elimina
  9. Volevo esserci anch'io a Milano per conoscere un po' di tutte voi! Ma Cucciola ha la recita ! Ma come si fa!!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che peccato! ma noi beviamoci un caffè una volta visto che siamo compaesane!

      Elimina
  10. Milano allora ispira positività!
    In bocca al luppolo :)

    RispondiElimina
  11. (io odio milano, ma meno male che ogni tanto a qualcuno fa del bene)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se la mia riunione fosse stata un disastro sicuramente l'avrei odiata profondamente anch'io!

      Elimina
  12. incrocio tutte le dita per te (e comunque beati gli amanti che si slinguazzano senza ritegno ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, devo dire che un pò di invidia l'ho provata!!

      Elimina
  13. Milano è una città sicuramente grigia ma non per questo meno bella. E' una metropoli e quindi è ovvio che offra questo via vai di vita. In bocca al lupo per il progetto

    RispondiElimina
  14. in bocca al lupo...che bello!!!
    spero di farcela anche io per il 25 :-)

    RispondiElimina
  15. In bocca al lupo.....ma ce la farai, e' una certezza!!!!

    RispondiElimina
  16. Ma dai! Sono contenta per te, ci vediamo di sicuro, fatti riconoscere al mamma che blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avrò lo stesso problema anch'io, io propongo targhette per tutte!!

      Elimina
  17. sia che l'ha guardata davvero?? sai che hai colto molto! Io la amo..perchè può darti tanto e perchè alla fine se vali, trovi sempre qualcuno pronto ad ascoltarti, pure se vieni dal paesello.
    Esiste la professionalità vera e la lungimiranza.

    Si in bocca al lupo...e super fingers cross!!!

    RispondiElimina
  18. L'hai descritta davvero bene Milano, in bocca al lupo e spero di vederti al mamma che blog :)

    RispondiElimina
  19. ma che bello!
    E che curiosità che ho di questo progetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per scaramanzia non ne parlo ancora!!

      Elimina
    2. capisco bene
      sapro' essere curiosa nel mio cantuccio :)

      Elimina
  20. in bocca al lupo per il progetto.....
    io ho vissuto due anni a Milano... e ciò che più mi mancava era il sole a cui ero abituata a Roma o a Lecce

    RispondiElimina
  21. e allora eccomi qui, pronta a un brindisi per feteggiare la riuscita del tuo progetto!

    RispondiElimina
  22. finalmente qualcuno col cuore aperto a cogliere le cose belle, invece di continuare a sparlare di grigio e luoghi comuni. Milano è piena di alberi, la zona che citi è davvero all'avanguardia e spettacolare, le milanesi coi tacchi trampoi esistono e sono bravissime (io non faccio parte di questo gruppo!) e credo che, oltre ad aver descritto benissimo LA MIA CITTA' avrai il successo che meriti col tuo progetto perchè ti sei sintonizzata nella maniera migliore. un bacio sandra frollini

    RispondiElimina
  23. Mi nadrebbe di andare tanto tanto anche a me, ma nn so se riesco....
    Baci
    Raffaella

    RispondiElimina
  24. Ah, sono scaramantica ma incrocio le dita per il progetto.
    Raffaella

    RispondiElimina
  25. Bene: spero che presto ci svelerai di che si tratta, uno perchè non sarà più soltanto un progetto, sono sicura, e due perchè sono curiosissima come una scimmia!

    RispondiElimina
  26. Scrivi,sempre una meraviglia...io amo Milano:-)

    RispondiElimina
  27. In bocca al lupo per il tuo progetto!
    Ed inoltre volevo dirti che da me .....c'è qualcosa per te....passa!!!

    RispondiElimina
  28. Non vedo l'ora di incontrarti!!!
    Bacini

    RispondiElimina