11 febbraio 2013

Sì sì, bello il carnevale



Venezia è una delle città più belle del mondo.
Non c'è ovvietà più vera.
Di Venezia mi piacciono le vie deserte, strettissime, con i muri consumati dall'acqua e i loro colori.
Di Venezia mi piacciono molto più le calli che i canali. L'acqua sì fa scena ma i campielli di Venezia sono ancora più belli.
Di Venezia mi piace che ci si va solo in treno. E noi ci abitiamo vicino quindi ci vuole proprio poco.
Di Venezia mi piace che si debba camminare.

Venezia è sicuramente faticosa con nani al seguito.
Non puoi farti il giro a bacari, nè tantomeno fermarti ad ogni bar per ombra e cicchetto .
Devi camminare sempre, convincere a camminare e se decidi ti portarti il passeggino sono tutti fatti tuoi. Una giornata a Venezia su e giù dai ponti e risparmi un mese di palestra.

Venezia non fa lo stesso effetto al marito.
Per carità, so che ne riconosce la bellezza, ma lo ha stancato, vista e vissuta troppe volte.
Aggiungi i motivi per cui con un nano non è il massimo e ti ritrovi un marito che appena esce dalla stazione mette il turbo e va. Tu arrivi e, nonostante le tante volte, ti incanti subito, vorresti andare alla velocità di una bradipo con il naso per aria e l'indice incollato alla macchina fotografica, e invece no. Gli devi stare dietro o lo perdi.
Noi a Venezia ci perdiamo sempre. Diciamo che un pò lo devi fare perchè è importante evitare i fiumi di turisti che si accalcano nelle quattro calli principali che portano a San Marco e al Ponte di Rialto. Un pò è inevitabile. Il senso dell'orientamento a Venezia scompare. Se non stai attento ti ritrovi chissà dove. Ed è proprio per questo che mi piace. Ogni volta mi sembra di essere in un posto diverso. Mi piace la zona di Dorsoduro con le sue calle strettissime e solo le case, nessun venditore di mini gondole o magliette I Love Venice, e neanche un'anima viva. Perchè i veneziani sono una specie in via di estinzione e si vedono davvero poco in giro. Anche dove il turista non arriva sempre.
Comunque, stare dietro al marito è un'impresa. Ogni foto scattata qui sotto è stata fatta di sfuggita con successivo scatto fulmineo per raggiungere lui che non si ferma davanti a nulla. Lui tira dritto. Non a testa bassa, semplicemente con un'andatura spedita. Della serie che bello però dai, andiamo. Venezia è l'unica a fargli questo effetto. Lui soffre il disorientamento. Se glielo chiedete non lo ammetterà mai ma è così. E quindi va spedito. Come se bastasse non fermarsi mai per non perdersi.
Comunque l'altro giorno abbiamo marciato per le vie deserte cercando di raggiungere la tanto venerata piazza San Marco perchè alla fine dei conti era carnevale e due maschere vuoi anche vederle.
Bene, lui me lo aveva detto (e infatti non è che fosse felicissimo di andarci): guarda che ci sarà un sacco di gente. Ma veramente tanta come al Redentore. E io, ma no dai!
E invece sì. Aveva tremendamente ragione.
Un oceano di folla, gente mascherata, gente assolutamente non mascherata, gente che avrebbe fatto meglio a non mascherarsi, gente euforica e gente annoiata, gente stressata.
Ovviamente Lui faceva parte di quest'ultima categoria.
Arrivati abbiamo fatto un giro rapido giusto il tempo di tirare coriandoli addosso a tutti perchè a carnevale si può, vai tranquillo ogni scherzo vale (per poi nascondersi dietro alle gambe di mamma il mio Cuor di Leone). Passano circa sei minuti e il marito ti guarda e ti dice il sole comincia a calare andiamo, torniamo a casa. (erano le 14.45 per la cronaca).
Quindi addio desiderio di fotografare tutto tutto tutto.
Muoviti in mezzo alla folla con marito davanti che apre la pista praticamente a spallate, tipo concerto, imprecando con tutti quelli che si fermavano in mezzo a fotografare (e io avrei voluto essere una di loro).
E per la gioia del figlio abbiamo preso il vaporetto. Sì perchè dovete sapere che da quando abbiamo messo piede a Venezia del carnevale al Piccolo Lui non poteva fregargliene più di tanto, coriandoli esclusi, ma l'unica domanda costante e ininterrotta era: "ma quando pendiamo la bacca?"
Alle 16 eravamo a casa.
Veloce (in tutti i sensi) ma intenso.
Mi scoccia dovergli dare ragione, bello il carnevale, sì sì. Però davvero troppo casino.
Venezia rimane sempre tremendamente bella.
















32 commenti:

  1. Eh niente, noi nemmeno quest'anno ce l'abbiamo fatta, pur abitando davvero vicini...
    Thor ahimè è ancora piccino, ha un'intolleranza per il passeggino, e camminare solo nella calca vorrebbe dire perderlo...
    e mio marito pur amandola, vivendola tutti i giorni per lavoro sotto Carnevale la evita..
    E quest'anno poi ci si è messa pure la neve!

    e anche quest'anno mi ripeto: sarà per l'anno prossimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque devo dare ragione ai mariti, Venezia senza carnevale è molto ma molto meglio! Infatti era la prima volta che provavamo e mai più! Tutte le altre volte, in periodi dell'anno diversi, ce la si gode molto ma molto di più!

      Elimina
  2. Sono foto stupende. Fai sempre foto stupende.
    E prima o poi a Venezia ci devo tornare. Per perdermi nelle calli lontano dalla pazza folla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Venezia si deve tornare spesso, fa bene allo spirito!

      Elimina
  3. da quanto tempo non ci torno! per me non è proprio dietro l'angolo, però dovessi tornarci cercherei un momento un po' meno affollato e senza bimbo al seguito ...se no addio incanto ;-)
    PS sai che guardando il tuo blog ho deciso di comprare la prima reflex della mia vita? non so cosa combinerò, ma non posso resistere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potresti fare acquisto migliore! Divertiti a giocarci, s'impara così!

      Elimina
    2. Fatto...! ora non mi resta che: leggere tutto il manuale Nikon, mettere in carica, montare l'obiettivo, capire cos'è la scheda di memoria e mettere in posa il cane...

      Elimina
  4. Anche mio marito è come il tuo!!! Con un'altra piccola differenza io non riuscirei mai mai mai a trascinarlo a Venezia per il carnevale !! (E pensare che non me ne perdevo uno da ragazza!). Mi piacerebbe tanto portarci Cucciola... Anche senza carnevale... Siamo così vicini!! Chissà !!! Baci Moni

    RispondiElimina
  5. Venezia è sicuramente magica, in questo periodo sicuramente di più. Qualche anno fa partecipai alla festa del Redentore, tutte barche in laguna...stupenda, però a carnevale, tutti quei visi nascosti a me mi inquietano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, hanno un che di inquietante ma sono allo stesso tempo bellissimi!

      Elimina
  6. ma che tripudio di colori!!! :) Giorni fa ho (ri)visto questo film http://www.youtube.com/watch?v=AI3abIUlLR0 che ti consiglio vivamente di vedere, ma NON in presenza del piccolo.. sempre che ti piaccia il genere :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, il film ho presente ma è uno di quelli che guardo per metà del tempo con gli occhi chiusi!!!

      Elimina
  7. Vero Venezia in questo periodo è magica e le tue foto sono meravigliose . Ma tu sei una fotografa ? :-)

    RispondiElimina
  8. Venezia è stupenda... e le tue foto lo dimostrano!

    RispondiElimina
  9. Che bella!!! Io la adoro!!! Bellissime le foto!!!

    RispondiElimina
  10. Noi veneziani non amiamo il carnevale, lo subiamo. Però grazie per le foto, sono stupende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vi capisco e a voi veneziani in questi giorni va tutta la mia comprensione!

      Elimina
  11. Venezia è sempre magica e credo che le sue maschere siano le più belle..purtroppo io l'ho sempre vista nei periodi di grande afflusso ma merita, merita sempre e comunque..fotografare quando si è in compagnia è sempre dura, ma se questi sono i tuoi scatti di sfuggita:brava!!!Mi insegni?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah! in realtà per gli scatti mi fervamo e settavo a dovere tutto, poi di corsa per raggiungere il maratoneta-marito!

      Elimina
  12. Saranno scatti al volo ma davvero belli! C'è solo una cosa che ho detestato di Venezia: le zanzare!!! Per il resto ci tornerei sempre e magari farei un salto nelle incantevoli Murano Burano e Torcello :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh zanzare con questo freddo neanche l'ombra (però d'estate sì, ma qui in pianura padana siamo abituati, ci abbiamo fatto la pellaccia!)
      Murano e Burano sono in assoluto i luoghi più belli di Venezia!

      Elimina
  13. Venezia per me è l'anniversario di matrimonio, io e lui da soli, 3 giorni senza figli. Lo facciamo da qualche anno, a luglio. Secondo me il Carnevale la snatura un po', ma vabbè, io sono un po' la grinch del carnevale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello, bravi!
      Concordo con te sul carnevale, quest'anno abbiamo provato ma non credo replicheremo!

      Elimina
  14. Ho un ricordo di Venezia molto bello. Ci piace molto viaggiare e di solito, per il compleanno di mio marito ci concediamo sempre qualche giretto. Siamo partiti due anni fa a dicembre, io ero di cinque mesi e,dopo mesi di letto, ero euforica e preoccupata. Ricordo che in aereo avevo un posto privelegiato. Sono stati giorni bellissimi. Venezia era nitida, retrò, romantica e particolare, come solo Venezia sa essere.
    Le tue foto sono bellissime. E tu le rendi giustizia.
    Ti abbraccio, amica mia.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dopo mesi di clausura a letto non potevi scegliere posto migliore! Grazie! e un abbraccione anche a te!

      Elimina
    2. Cara Raffa, io e maritino abbiamo fatto la stessa fuga tre anni fa! ero di cinque mesi, anche io praticamente allettata, e avevo bisogno di scappare per qualche giorno. Venezia ci ha accolto e ne tengo lo stesso meraviglioso ricordo;-)
      Anche il carnevale è magico sulla laguna ma concordo con il troppo caos!

      Elimina