4 febbraio 2015

ultimamente #gennaio


Ultimamente è stato casa casa casa. Quella nuova. A breve sarà al tetto, si può già entrarci dentro e farci un giro, adesso sì che tutto ha una forma. Dove ci sarà la cucina, dove ritroveranno un loro spazio tutti i miei libri ormai da un anno chiusi negli scatoloni, dove vedrò quei due lì correre e giocare, è tutto più chiaro. Ci vorranno ancora mesi prima che diventi la nostra casa, ma è come se si vedesse una luce in fondo al tunnel. Dopo anni dietro all'acquisto del terreno, carte, progetti, cambiamenti, ancora carte e burocrazia finalmente sta prendendo vita. E non vedo l'ora che vita sia lì. La settimana scorsa abbiamo comprato la cucina, ce la faranno a momento debito ma intanto anche questa ha preso forma. Ed è proprio come la volevo. Total white, ariosa, funzionale ma soprattutto grande. Grandissima. E ci ho messo anche l'isola. Un'isola mamma?! figo ci sarà  anche il mare in casa nuova!


Ultimamente sono schiava di Pinterest. E guardo, pinno e ripinno, per poi realizzare che per quanto bella non sarà mai perfetta. O perlomeno perfetta in quel modo lì. Perchè ci vivremo dentro io, la regina del prendo e lascio lì, mio figlio, che giustamente è mio figlio e lui prende, sposta e lascia lì, e mia figlia, che ancora non può ma lo vedi già, appena ne sarà capace prenderà e lascerà lì ancora di più. E poi lui, che ancora non ha capito che esiste una cesta per la roba sporca, una scarpiera, un appendiabiti ecc., che si lamenta del mio modo di cucinare ma poi appena lo fa lui, per quanto il risultato sia sempre migliore, fa un caos totale. E infatti lui odia Pinterest e tutto quel genere lì, da Pinterest. Lui che vuole tutto solo ed esclusivamente funzionale e vuole un pavimento effetto cemento anzichè parquet. Cioè, non se ne parla. E poi io che penso di avere budget infiniti e immagino cose strafiche che so che poi continuerò sempre e solo a pinnare. Insomma, non la voglio la vita di Pinterest, sarebbe impossibile, ma non posso dire che non mi dispiaccia. Quell'effetto ordinato e pulito che va beh fa tanto bella foto. Un pò come vorrei sempre avere tutto perfettamente stirato nell'armadio. E non ho nemmeno il ferro da stiro, perchè anche se mi piacerebbe non ho voglia. E del resto vivo benissimo così.

Ultimamente la fanciulla non dorme più. O meglio si sveglia almeno tre volte per notte. dammi una ciucciatina e torno a dormire. Non ha fame la simpaticona, vuole solo me. E per quanto faticoso e darei, credo, la mia intera collezione di collane per una notte di sonno filato, la cosa non è poi così male. Ci stendiamo insieme e lei ciucciotta. Io non riesco certo a dormire, c'è penombra ma siamo strette strette sotto il piumone. E Lei sta diventando sempre più grande, ha sempre più una faccia da bambina e quelle manine lì che mi afferrano e mi tengono stretta. Ci sono cose che nemmeno un fidanzato può. Quello stare così appiccicati è solo dei figli. E ditemi una cosa più dolce, anche se sono le tre del mattino. Ci sono cose che non si fotografano, che si possono solo ricordare. Detto questo non sono per il cosleeping. Ma saprò spiegarmi meglio un'altra volta.


Ultimamente Lei gioca, gioca e gioca. E' curiosa da morire e tutto va assaggiato. E come si incacchia alle volte, come una femmina, poco da dire. E per tutti quei parenti che a Natale ci hanno regalato mille giochini, plasticosi, di stoffa, rumorosi e colorati, grazie. Ma non gliene frega nulla. Le piacciono solo bottiglie di plastica, pacchetti di fazzoletti, carta stagnola, spazzolini, croste di pane. Ma grazie comunque.

Ultimamente siamo stati a Milano per un week end e tra mostre, ristoranti e metropolitana finisco sempre per chiedermi come sarebbe se vivessimo in una grande città. Come ci organizzeremo, come sarebbe la routine, come sarebbe stancante da un lato, molto stimolante dall'altro. Non riesco ad andare in un luogo e non provare ad immaginarmi lì sempre, è più forte di me. In ogni caso siamo stati a vedere Chagall, Giacometti che per me è il top, il museo del 900 e il Cenacolo. Quello famoso di Eolo!!! Che mi piacciano le mostre si sa. Che reputi il nostro paese molto indietro nell'organizzazione e gestione di questi eventi si sa anche questo. Chagall è stato un'inferno. Nonostante avessimo prenotato abbiamo fatto più di mezz'ora di coda. Sempre meglio di quelli che erano in fila da quattro ore (quattro ore!!!) perchè erano della categoria non prenotati. E dentro dovevi fare lo slalom per vedere un quadro, gruppi che ti spingono, ti si appiccicano addosso, ti passano davanti, guide rumorose e gente che parla al cellulare. Unica nota positiva l'audioguida per bambini, Lui se l'è passata molto, del resto era un bellissimo giochino. Giacometti alla Gam era piccola ma ben curata, e poi era Giacometti, ci siamo arrivati con il sole e attraverso un parco quindi Milano mi era sembrata bellissima ancora prima di entrarci. Il museo del '900 merita tantissimo, oltre che per le bellezze (cioè c'è il famosissimo Il Quarto Stato), anche per la mega vetrata vista Duomo al quarto piano. Che di sera, dopo essere stati nella folla di Palazzo Reale mi è sembrata davvero fantastica. E poi il Cenacolo, che non ha bisogno di nessuna pubblicità.







Ultimamente la mia migliore amica è diventata mamma e di conseguenza io zia. E senza saperlo è stata un'emozione potentissima. Non pensavo ma è il primo bambino non mio che ho aspettato e che amo davvero. Lei ci ha messo 24 ore di travaglio faticosissimo solo perchè così adesso io posso dire che conosco qualcuno che ci ha messo così tanto.

Ultimamente Lui lo abbiamo iscritto alla scuola elementare. Quella piccola.
Ultimamente Lui grande mi manca ancora tanto. Perchè il tempo per noi due soli continua ad essere quasi sparito ma so che tornerà, ci sono già passata.
Ultimamente sono in crisi profonda per il lavoro. Torno o mi prendo tutta la maternità facoltativa portando a casa una miseria e non aiutando sicuramente l'azienda per cui lavoro? Non ci dormo la notte. Beh in realtà è proprio solo un modo di dire, è Lei che non mi fa dormire.

Voi come state?

14 commenti:

  1. Che belle le foto della mia Milano, sì è bellissima la mia città, ma insomma ce la stanno un po' imbruttendo, portando via ecc. Ma certi scorci, quella luce ah impagabili. Bacio Sandra Abbraccione miii che belli siete pure voi e la cucina bianca, mi piace di brutto.

    RispondiElimina
  2. Come al solito i tuoi ultimamente sono poetici e pieni di vita. Belli.
    La cucina bianca non è nelle mie corde ma anche noi siamo in fase ristrutturazione casa nuova e si, insomma, capisco cosa intendi, soprattutto quando parli di soluzioni bellissime viste su pinterest che richiederebbero un budget stratosferico!!
    La piccola e' un amore!
    Quanto al lavoro, anche dopo il nanoti avrei consigliato di rientrare. Ora, che mi rendo conto di quanto è cresciuto in fretta e non so se arriverà mai un secondo figlio, ti consiglierei di godertela finché puoi, se puoi economicamente, si intende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io in quel secondo continuo a sperarci con te!

      Elimina
  3. Io sto bene, 😊!
    Mi è venuta voglia di visitare Milano e il museo del 900. Volevo venire per l'Expo, ma mi sa che anticipo.
    Bello il progetto della casa nuova, spero ci renderai partecipi...adoro guardare le case altrui...deformazione professionale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fallo, ne vale la pena! Spero di riuscire a parlarne qui il giusto della casa nuova!

      Elimina
  4. Io voto per la maternità facoltativa... però non sono obiettiva, nel senso che non ho esperienza a riguardo! :-) Per la casa ti capisco.. quando era in costruzione la nostra era tutto un sognare e poi dover fare i conti col budget... però tante cose te le sistemerai dopo, le capirete ovviamente una volta entrati dentro. Sono curiosissima!!
    Io sto bene, gennaio è stato pieno di visite ed analisi, tu puoi immaginare perché.. e inizia quindi il countdown per "la chiamata". Se trovo le forze ti scrivo una mail privata, per mandarti un salutino più intimo! ;-) Tanti bacini ai nani adorabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì! scrivimi! fammi sapere come state! intanto incrocio tutte le dita disponibili!

      Elimina
  5. Ma quante espressioni buffe fa questa pupa?!
    Per pinterest in relazione alle case: in me genera un sentimento che è in ugual misura
    ammirazione/frustrazione per come sono deliziose certe scene arrangiate che vedi (proprio da dire: ohhhhh) e per come so bene che non ci sarebbe verso di averle nella vita vera. Poi noi qui siamo in cinque e c' é sempre un discreto-allegro-vissuto casino. Pinterest resta comunque una grande fonte di ispirazione di cose carine e belle per davvero.
    Neanche io son per il co-sleeping (mi son sempre detta, tipo mantra, che il letto deve restare di mamma e papà) però ci sono sempre finita molto vicina e il motivo è che, come tu scrivi, allattandoli di notte si svegliano in cerca della mamma, più che per fame. Momenti magari faticosi ma bellissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche qui il discreto allegro vissuto casino regna e anche qui piace!

      Elimina
  6. Che facce buffe che fa!!! E' troppo bella!!! E' difficile decidere quando tornare a lavoro vero? IO che devo ancora andarci in maternità sono già piena di dubbi..ovviamente non posso saperlo ora, e poi forse non c'è una regola, ogni situazione è diversa...bò, vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo ci sia una regola, credo sia davvero una cosa così soggettiva che difficilmente si può sapere prima... un abbraccio panzona!

      Elimina
  7. ecco una cucina grande con l'isola è proprio il mio sogno!!! ma anche voi siete sotto la neve?? baci baci <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. macchè non l'abbiamo nemmeno vista!

      Elimina