23 gennaio 2015

Scuola elementare, help!


Avete presente quando quel giorno, quella cosa lì, vi sembra lontanissima e anzi diventa una specie di slogan per indicare che ne deve ancora passare di acqua sotto i ponti, di cose ne accadranno ancora, tu, quel giorno, sarai più vecchia. Parlo della famigerata frase tanto usata qui, pensa quando lui sarà alle elementari.
Bene ci siamo arrivati. O meglio per adesso siamo solo alla fase iscrizione. E l'iscrizione prevede una scelta. Ma da settembre avremo una cartella, dei compiti, un orario di ingresso fisso e un modo nuovo di vivere.
Come si sceglie la scuola giusta?
1. in base alla vicinanza da casa
2. in base agli insegnanti
3. in base agli orari
4. in base a dove vanno gli amici di materna
5. in base a dove ne hai sentito parlare bene
Qual'è il punto più importante?

Facciamo un'analisi del mio caso specifico:
La scuola vicina a casa è sicuramente una caratteristica fantastica. Lo dice una che ora fa i chilometri per andare a prenderlo e il papà per portarlo. Ma chi ne fa di più è Lui, sempre con le chiappe sulla macchina. Ci stiamo costruendo casa (dedicherò grandi post, spero, perchè sta cominciando ad entrare nel vivo del divertimento!) e lì vicino, ma proprio vicino vicino, c'è una piccola scuola elementare, tempo pieno, una classe per sezione e la più numerosa è di 22 bambini. L'abbiamo vista ed è una meraviglia, lui si è seduto ad un banco e come se nulla fosse si è messo a disegnare, e io mi sono sciolta.
Però, non conosciamo nessuno che ci sia mai stato, la maestra che dovrebbe essere la sua, ma dico dovrebbe perchè nessuno assicura nulla, non ci ha fatto questa impressione pazzesca, è un quartiere nuovo quindi nessuno dei suoi amici ci andrà ma sarà il nostro nuovo quartiere e forse gli amici vicino a casa semplificano la vita a tutti e si gustano di più.
L'alternativa è una scuola più lontana, macchina obbligatoria e traffico sicuro, ma è un'ottima scuola, grande ma di cui ho sempre e solo sentito ottime cose, soprattutto suol corpo insegnanti.
E' vero che gli insegnanti sono fondamentali, quella elementare è sicuramente una scuola molto importante, si mettono le basi ma soprattutto ci vuole qualcuno che non sia la mamma o il papà che lo aiuti a trovare la sua chiave della curiosità. Ma allo stesso tempo gli amici sono altrettanto fondamentali, il fare gruppo a quest'età assume un ruolo nuovo e magnifico, per cui va aiutato, magari con la vicinanza, con il far parte della stessa comunità, passatemi il termine, con l'essere tutti lì, raggiungibili e accessibili.
Insomma, avremmo scelto la scuola piccola, quella vicina, cosa ne dite voi?

12 commenti:

  1. avrei fatto la stessa scelta. noi abbiamo scelto la casa in base anche alla vicinanza dalle scuole, che abbiamo fuori dal cancello fino alla terza media compresa. e d'accordissimo sull'importanza di sentirsi parte della "comunità".
    buone cose!

    RispondiElimina
  2. beh, le motivazioni sono ottime. Per gli insegnanti in ogni caso non ne hai sentito parlare male, giusto? per noi probabilmente è più facile, perché la primaria fa parte dell'istituto della scuola dell'infanzia. Conosco un paio di insegnanti di cui mi hanno ben parlato, per cui incrocio le dita e spero capiti con una di loro (la preside non ammette "raccomandazioni" per l'argomento maestre). Invece spero che capiti con un paio di amichetti con cui lei si trova bene, e con cui con i genitori s'è cretata una bella sintonia. Scuola vicina quindi, per facilitare i rapporti con gli amici extra-scuola, per agevolare gli spostamenti, e credo anche per una sua futura autonomia di spostamento. Poi...insomma...se dovessimo capire di aver sbagliato (ma questo anche con una qualsiasi altra scelta) per fortuna la possibilità di cambiare nopn ce la toglie nessuno.

    RispondiElimina
  3. Dico che fai bene. Ho fatto anch'io la stessa scelta e sono felice di averla fatta.

    RispondiElimina
  4. Ciao cecilia,
    Tifo per quella vicina e piccola ( gran cosa ) perché il nn dover fare chilometri ogni giorno da e per scuola e' una gran cosa per voi e per il tuo bimbo : meno corse, meno ansia e imprevisti, meno traffico e più tempo per cose belle e tranquille tra cui merende con gli amici , che più probabilmente abiterebbero in zona . Io per la seconda bimba ne ho scelta una che nn e' proprio sotto casa ma che e' comunque within walking distance, come si dice. 15/ 20 minuti a piedi di una bella passeggiata nel verde oppure, se papà può , cinque minuti in moto.
    La cosa più importante per me nella scuola elementare ? Che i bambini si avvicinino alla conoscenza con gusto, curiosità e con un'atmosfera serena e nn competitiva . Con la seconda figlia l'ho trovata, dopo averla cercata come una matta! Buona scelta! E' un momento bellissimo

    RispondiElimina
  5. La comodità di avere una scuola vicino a casa che non ti costringe a trascorrere ore in auto è fondamentale. Te lo dice una che attualmente passa tre ore in auto tutti i giorni per portare e andare a recuperare i figli a scuola, obbligata a scegliere quell'unica scuola internazionale presente in provincia.

    RispondiElimina
  6. l'anno scorso mi sono trovata con lo stesso dilemma, la Scelta, anche se con opzioni diverse, ma capisco bene l'apprensione. anche io penso che abbiate fatto la scelta giusta, gli altri amici li potrà comunque vedere ma in questo modo potrà farsene degli altri con i quali sarà più facile condividere la quotidianità, che secondo me è fondamentale!

    RispondiElimina
  7. Senz'altro è una buona scelta e le motivazioni sono altrettanto valide...ho spedito la domanda d'iscrizione per la mia secondogenita proprio stamattina (era dal 15 che aspettava di essere spedita...) ed appena ho fatto quel click su domanda inoltrata, ho sentito un brivido lungo la schiena, ho deglutito ed ho provato una grandissima emozione! La mia domanda era la stessa:" avrò fatto la scelta giusta?", ho scelto una scuola fuori stradario, sempre vicina a casa ma le motivazioni erano molteplici...credevo che con la seconda sarebbe stato più semplice (con la prima bimba, appena consegnata la domanda, sono scoppiata in un lungo pianto liberatorio, appena uscita dall'edificio!) ma non è così ed a questo punto penso che la stessa emozione e lo stesso magone lo proverò per la mia terza bimba che ora ha 27 mesi, che sto ancora allattando e che a Settembre andrà alla materna!!! In bocca al lupo a tutte le mamme che si trovano ad affrontare questa importante e difficile scelta!!! ciao, Lia

    RispondiElimina
  8. Io ho appena scelto la scuola media (di già?!) e spero vada bene come in questi anni di primaria. Credo che ognuno abbia specifiche necessità e se senti che dall'altra parte ci sia qualcosa che possa aiutarti nel grande compito di crescere una persona serena e competente allora la scelta è giusta. E poi pare che l'abbia scelta anche il diretto interessato ;)

    RispondiElimina
  9. Anche qui scelta per la primaria già fatta.
    Noi abbiamo scelto la scuola più lontana, ma abitando una piccola cittadina si tratta di 10 minuti di auto. Per noi tutti sarebbe la migliore, sia per gli amici, che per gli insegnanti e l'orario. Purtroppo siamo fuori dal bacino di utenza primaria, ma io incrocio le dita e ci spero fino in fondo. In bocca al lupo anche a voi!!

    RispondiElimina
  10. io concordo con la vostra scelta e credo che avrei fatto lo stesso!!!
    Serena

    RispondiElimina
  11. Stesso dilemma 1 anno fa e ... Non importa che scelta si fa: Come dicevo io "solo una congiunzione astrale positiva" potrà aiutarci.......
    mai nulla di più vero.

    RispondiElimina