13 maggio 2014

Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare.


Sto facendo pace con me stessa. Nonostante sappia, razionalmente, che non è stata colpa mia, che non ne potevo nulla, che era così. C'è chi lo chiama destino, c'è chi lo chiama semplicemente vita, chi come me un pò e un pò, dipende dai giorni.
Eppure questi tre anni di ricerca il segno lo hanno lasciato.
Anche se il solco più grande lo ha lasciato la perdita di quello che si era finalmente trovato. 
In ordine cronologico:
Sono stata una ragazza fertile e sicuramente colta di sorpresa.
Sono stata una donna, una mamma consapevole che ha cercato. Cercato e cercato.
Mi sono sentita incapace, sbagliata, brutta, stanca, speranzosa, illusa, ingrata, disillusa, impotente, prepotente, piccola e fragile.
Sono stata felice. Avevo cercato e trovato. Poi sono morta dentro, come il mio bambino.
Mi sono rialzata. Per forza. Su gambe molto traballanti.
Mi sono sentita più imperfetta del solito, sfortunata, bruttissima, arresa e soprattutto arrabbiata.
E adesso sembro una normalissima donna fertile.
Mi sento bene, bella, spaventata, fiduciosa. 
E non ci capisco più nulla.
Sembra troppo facile, tanto quanto prima sembrava difficile.
E' cambiato tutto.
Tutto quello che è stato è rimasto.
In quella parte di me che sono.


Roma è Roma, bella sempre. Quando ci vivevo prima che tutto cambiasse, anche se era già cambiato molto.
Oggi che tutto è cambiato ancora e ci siamo tornati in quattro.
Caotica, intrigante, impaziente, usata, improvvisa.
Fa bene realizzare che ci sono delle costanti. Anche se noi cambiamo, dentro e fuori.
Che siamo dei puntini su una mappa.
E ridimensionare.
Fa bene ritrovare quei pezzetti di te che avevi seminato proprio lì.
Per un momento realizzare che non è tutto stravolto.
E fare pace. Con le tante me.


Trastevere








 




Isola Tiberina






villa Ada


Giardino degli Aranci - Aventino




Rione Monti







Regola - Sant'Eustachio - Parione











26 commenti:

  1. ....bello averti riabbracciato anche solo per poco....
    ...bello aver finalmente conosciuto il tuo Pietro.....
    .....bello aver letto la felicità nei tuoi occhi e dentro di te!!!!<3 <3

    RispondiElimina
  2. ciao Panzetta, sei venuta dalle mie parti :)
    Vi siete divertiti al macro? io ci vorrei andare a Settembre così Nicolò sarà in grado almeno di gattonare sull'installazione colorata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh sì! io sno rimasta a guardare ma i due lui sono saliti fin su, ci vogliono muscoli mi ha detto!!

      Elimina
  3. Sebbene io viva a pochi Km dalla Capitale mi manca. Mi manca viverla, camminare sui sampietrini. Mi manca il Tevere color caffelatte e tutte quelle strade usate, come dici tu, che trasudano storia. Amo Roma e amo il modo in cui la vita cambia così, di botto, da un momento all'altro. Bellissimo post e bellissime foto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie tesoro... ti auguro un cambio di botto anche a te ;)

      Elimina
  4. io vedo una persona bella, sensibile, in grado di cogliere ogni piccola sfumatura, di raccontarsi e mettersi a nudo! non tutti ci riescono, brava! ;)

    RispondiElimina
  5. Ce bel post. Ho vissuto gli anni più folli e dolci a Roma. Ed ogni foto è stato un dolce ricordo. Un abbraccio...

    RispondiElimina
  6. Oh cavolo a guardare Roma attraverso il tuo obiettivo c'è da emozionarsi come ad essere li.....Cecy ma lo facciamo diventare un lavoro o no, questa tua passione? Scatti da togliere fiato!!! Bella!!!!

    RispondiElimina
  7. Io vedo una donna bellissima e piena di emozione. Vedo una Roma fantastica e delle foto che spezzano il respiro (io sono l'anticreativa e non le so fare, e quando vedo le foto belle non riesco nemmeno a provare un po' d'invidia, buona, tanto grande l'abisso che mi separa dalla vena artistica, ma solo stupore :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono molto creativa nemmeno io, fotografo solo quello mi piace, è più facile di quello che pensi!!

      Elimina
  8. Attraverso i tuoi occhi ed i tuoi scatti non è solo bella, è bellissima!
    Come te. Fai pace con te stessa, perchè te lo meriti!!

    RispondiElimina
  9. come sai sono stata anch'io da poco. E vorrei tornare ancora, ancora, ancora... mi scrivi in privato che ci accordiamo per il mammacheblog? Io quest'anno vorrei stare con te molto di più di uno scambio veloce all'ora di pranzo...

    RispondiElimina
  10. La mia città d'origine vista attarverso le tue foto sembra ancora più bella!!! E bella anche tu con la pancia!!!!!! :)

    RispondiElimina
  11. bella Roma, belli i tuoi scatti, bella tu!
    avanti tutta!

    RispondiElimina
  12. Wow che foto Cecilia.. hai fatto commuovere tutti i romani espatriati! Roma è una città che si presta molto alle foto "cartolinose", e invece sei riuscita a creare qualcosa di diverso, molto personale.. Bravissima!! :-) E che bei giri che avete fatto! Sto anche sbavando davanti alla foto della pasticceria e del piccolo ventaglio.. non c'è niente da fare, qui in Padania non ho ancora trovato cose altrettanto buone! Venendo a te.. anche a me sembri tanto bella così panciuta! E si vede da queste foto che sei felice.. continua a viverti questo momento come stai facendo, che se per una volta tutto sembra facile, ben venga! Hai fatto tesoro di tutto, e tutto quello che hai vissuto ti ha portato alla tua bambina.. Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! era tutto buonissimo in quel biscottificio, vecchio stile, da fuori non gli avresti dato una lira, sono riuscita a spenderci 10 euro e mangiare tutto il giorno!!

      Elimina
  13. Bene. Dai.

    Grazie per queste immagini. La bellezza della mia citta' mi manca sempre.

    RispondiElimina
  14. Le tue fotografie sono sempre emozionanti e così perfette!
    Veramente bella Roma vista dai tuoi occhi

    RispondiElimina