27 agosto 2013

Se volete sapere ciò che qualcuno teme di perdere, guardate cosa fotografa. - parte 2

(parte 1 qui)

...
C'è la strada che da Zagabria porta al parco naturale di Plitvice.
Una strada che porta ancora i segni di una guerra che era arrivata fino lì, non troppo tempo fa. Ma ormai dimenticata. Perchè ne sono susseguite tante dopo, altrove. Per non parlare della Siria oggi.
E di cosa potrebbe essere domani.
Mi fa sempre un certo effetto pensare alla guerra.
Del resto è la mia più grande paura. Non potrei mai farcela.
Mai potrei rinunciare alla tranquillità con cui cammino per strada. Con cui lascio mio figlio correre in bicicletta. Con cui guardo il cielo e mi riempio di pensieri che nulla a che fare hanno con la morte.
Qualche curva e siamo arrivati. Riappropriandoci della spensieratezza di chi non sa cosa sia la guerra.
I laghi di Plitvice, la gardaland della natura.
Uno spettacolo.
E infatti c'era il mondo più noi.
Il nano ha camminato a lungo. Per poi realizzare che ad un certo punto che basta.
Lui aveva le gambe spezzate.






 


E c'è stata quella notte in campeggio dove ha fatto un freddo pazzesco. E ho creduto davvero che potesse mettersi a nevicare. Ci saranno stati 15 gradi. Ma per me erano meno di cinque, giuro.
Ma del resto le frasi più ricorrenti di questa vacanza di famiglia sono state:
la sottoscritta: io avrei freddo
Lui (quello grande): io avrei fame
Lui (quello piccolo): e io no.
(oppure sempre per il nano-repertorio andavano alla grande anche: ma che dici? oppure no, non penso propio).
Un simpaticone. E non è che puoi lasciarlo lì. Ti tocca portartelo dietro e sopportarlo.

I primi due giorni al mare poi pensavo davvero di fuggire. Da sola.
Perchè siamo arrivati nel paradiso. Non c'era quasi nessuno ed era la settimana di ferragosto. Per essere precisi il 15 agosto eravamo solo noi tre in una splendida pozza d'acqua tra gli scogli.
La tenda era piazzata di fronte al mare, con tramonto incluso.
Il campeggio era il più bello che avessi mai visto, e ne ho visti. C'erano addirittura i bagni per i nani. Docce piccole, lavandini piccoli ecc....
Eppure per i primi giorni il ragazzo sembrava un quindicenne in vacanza con i genitori. Era tutto uno schifo, tutto una noia, tutto brutto.
Insomma, non è sempre oro tutto quello che luccica.

Ci è voluto un pochino, ma si è ripreso. E' tornato ad essere un bambino che si entusiasma a fare i tuffi, che cerca conchiglie e abbraccia la sua mamma.
E noi prima di questo abbiamo passato il tempo a chiederci dove stavamo sbagliando. Tipico.
Realizzando che siamo sempre lì per lui. Viviamo per lui. E se da una parte è assolutamente normale ed inevitabile, dall'altra a volte prendi atto che è troppo.
Non so dove sia la giusta via di mezzo, dove sia il confine sano per far sì che il figlio si senta importante ma che allo stesso tempo i genitori non si trasformino in suoi schiavi. Perchè sono sempre lì a cercare di farlo felice. Sempre lì a inventare giochi o storielle per intrattenerlo.
Forse più per la mia serenità che per quello che so essere la felicità. Perchè so che non si può essere sempre e solo follemente felici.
Perchè la noia ci sta. Così come l'umore nero.
Eppure io mi dispiaccio nel vedere mio figlio che si annoia. Soprattutto se lo porto su un'isola in mezzo al mare. Perchè le vacanze ormai sono da anni pensate in funzione di lui. O meglio nella giusta conciliazione tra noi e lui, concedendoci magari qualche visita più da grandi.
Ma comunque non siamo mica andati in Cambogia zaino in spalla come vorrei fare da tempo.
Un pò di gratitudine e soddisfazione si potrebbe anche pretendere o no?!
Oppure lo si può lasciare stare.
Ci sono se vuoi e se vuoi annoiarti annoiati.
Non posso fartene una colpa ma soprattutto non posso farmene una colpa.
Ognuno è fatto a modo suo. Figli compresi.
Per cui mi sono messa a leggere più del solito. E ho divorato libri. Isolandomi in mondi lontani e diversi.

Poi un pò tutti ci siamo ripresi da questo circolo vizioso di è lui che è nervoso e quindi noi siamo nervosi o viceversa (che poi è un pò come è nato prima l'uovo o la gallina?) ed è cominciato il divertimento.
E Cres è un'isola splendida. Ancora tanto selvaggia, fatta di stradine in mezzo a muretti a secco (che voglio dire, sono ovunque non gli passava più a questi isolani) e macchia mediterranea allo stato puro. E poi ci sono soprattutto Lubenice e Beli. Due chicche. Due piccolissimi borghi fatti di case di pietra dove l'atmosfera è diversa. Completamente. Dove si respira un non so ché di strano. Poetico da una parte e melanconico dall'altra. Un'altra dimensione.
E poi c'è stata quella pizza al tramonto. E l'insetto stecco, che esiste davvero. E i mille e più sassi lanciati in mare. Mamma guarda questo, hai visto che splash?! 
Il mare non serve nemmeno dirlo era trasparente.






















Siamo tornati felici, nonostante l'inizio in salita.
E oggi sono ancora più felice.
Stay tuned, life is beautiful.




45 commenti:

  1. che bello! e condivio totalmente le tue osservazioni sul rapporto con tua figlio. io faccio esattamente come te e anch'io mi dispiaccio se lei si annoia....così come se lei è nervosa alla fine lo sono anch'io. E' davvero dura non esagerare nell'esserci troppo....comunque le tue foto sono pazzesche . Un giorno mi dirai pure che programma usi per poterle mettere così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! uso semplicemente i collage fatti con Picasa, gratuito! non è un vero photo editor ma per quello che faccio io è assolutamente sufficiente!

      Elimina
  2. e io pure, dopo aver visto queste belle foto!!

    RispondiElimina
  3. Aspettavo le tue foto come sempre belle e piene di voi tre;-)) sono posti che non conosco per niente e chissà che l'anno prossimo non si riesca ad organizzare....un bacio grande e ben rientrati!!!

    RispondiElimina
  4. Cavolo mi emozioni sempre con le tue foto!!! ;)
    Kiki

    RispondiElimina
  5. Le tue foto sono stupendeeee!
    Fai proprio venire voglia di andare in Croazia!!
    Mi sa che sarà la nostra meta l'anno prossimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita! Non ci ero mai stata (giusto una capatina in Istria) e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa!

      Elimina
  6. Foto bellissime!!!
    Ma visto che sono a dieta ti prego non mettere cose da mangiare!!!
    Quella con la pizza è fantastica!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se può consolarti la pizza del tramonto era parecchio immangiabile! e il pesce alla griglia, quello sì che potresti, cosa c'è di più sano?!a

      Elimina
  7. Che meraviglia! Mi sono bevuta in un lampo il post 1 e 2 e poi me li sono riguardati con calma.
    Anche noi Croazia, ma un po' più su.
    Belle le tue foto, come sempre.

    RispondiElimina
  8. Complimenti davvero per le foto ... Sono bellissime! Ti leggo da un po' ma è la prima volta che scrivo!

    RispondiElimina
  9. è proprio vero. io però le ho già perse. sarà per questo che le cerco.

    belle le tue foto. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ce ne saranno ancora e ancora! grazie!

      Elimina
  10. bravissima come sempre! a fare foto e a descrivere posti e emozioni...
    anche io quando Dede si annoia e diventa noioso mi innervosisco.. e diventa un circolo vizioso..
    che bel posto comunque!!
    se hai avuto freddo può darsi ci siano stati 3 gradi.. mio marito andò in vacanza in croazia una decina d'anni fa con gli amici d'estate e la sera c'erano 3 gradi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, no! erano 15! ma io sono davvero la regina delle freddolose!

      Elimina
  11. mamma mia che colori da favola quelle foto dei laghi! le tue foto sono splendide, ma mai avevo visto un posto così bello!

    RispondiElimina
  12. bellissimo post e come al solito annego nella bellezza delle tue foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao bella panciona, ci siamo vero?!

      Elimina
  13. Le foto sono bellissime, sei proprio brava ed è proprio vero che fotografiamo per paura di perdere ciò che guardiamo ;)
    Un bacio mia cara.

    RispondiElimina
  14. Ecco qui le foto che amo tanto! E ora come faccio che mi tocca trovare qualche posto per altre foto? A parte gli scherzi, mi sono persa come sempre nei tuoi racconti. Cercavo cercavo per vedere dove eri andata... Stasera ho raccontato anch'io, ero in vena... Se solo fossi a un tiro di schioppo una chiacchierata davanti a un bicchiere di vino ci starebbe eccome... Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! vengo subito a curiosare da te!!

      Elimina
  15. Che meraviglia le tue foto :)

    RispondiElimina
  16. Ciao, ti ho scoperta tramite Anna (giorno per giorno).
    Stupende queste foto, sembra quasi che possano parlare.
    A presto....ti seguo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ho subito curiosato anch io da te! Che bella scoperta!

      Elimina
  17. foto meravigliose!!
    avete campeggiato tutta la vacanza?!

    RispondiElimina
  18. Le tue foto lasciano senza fiato, come sempre!
    anche noi ultimamente ci ritroviamo con un bimbo ingestibile. Fase adolescenziale alle porte??

    RispondiElimina
  19. Mi riconosco moltissimo in quel "esserci per lui sempre"...e anche nel nervosismo che si "propaga"...;)
    Cos’è il giusto mezzo?
    Non lo so...
    PS quest'estate abbiamo visitato anche noi la Croazia lo sai ed è bello vederla nei dettagli delle foto di qualcun'altro!:)
    Te la fa ricordare con nuovi occhi!:)

    RispondiElimina
  20. Mi riconosco moltissimo in quel "esserci per lui sempre"...e anche nel nervosismo che si "propaga"...;)
    Cos’è il giusto mezzo?
    Non lo so...
    PS quest'estate abbiamo visitato anche noi la Croazia lo sai ed è bello vederla nei dettagli delle foto di qualcun'altro!:)
    Te la fa ricordare con nuovi occhi!:)

    RispondiElimina
  21. Che piacere che hai partecipato! !
    Sarei venuta ad invitarti, ma non mi hai dato tempo... che allegria!

    RispondiElimina
  22. Che belle foto, mi hanno fatto ricordare la mia visita a Plitvice, era il 2007 ed eravamo a Krk, troppo bello.
    Ciao
    Norma
    http://voglioilmondoacolori.blogspot.it/

    RispondiElimina