20 giugno 2013

playground #padova

Ho conosciuto Mary al MammaCheBlog un mese fa e ho avuto modo di scambiare due chiacchiere con questa bellissima mamma.
Il suo blog è un vero e proprio progetto, infatti l' intento è quello di raccogliere informazioni, raccontare e documentare i mitici, amati e odiati parchetti. Quei luoghi dove i pargoli si scatenano e le mamme passano il tempo a classificare le altre nelle varie categorie di mamma da parchetto. A volte chiacchierano, a volte sono in prima linea a giocare, a volte sono l'espressione perfetta del multitasking.
A Mary però interessano i parchi e basta. Li elogia quando lo meritano e ne parla anche male se serve, perchè la speranza è che si possa sempre migliorare. Per chi vive in città infatti sono luoghi necessari, indispensabili e per questo andrebbero sempre ben tenuti. L'obiettivo è quello di creare una vera e propria "mappatura" dei parchi gioco delle nostre città e fornire così informazioni utilissime per chi viaggia pargolo munito.
Qualche tempo fa mi ha chiesto di "documentarle" quello che può offrire la mia città, Padova.
Partendo dal presupposto che è una città molto curata, non potevano non esserlo anche i parchi. Nessuna lamentela da parte mia, davvero. Ce ne sono davvero tanti e nessun quartiere ne è sprovvisto.
Noi ne frequentiamo principalmente due, uno più grande e più "attrezzato" lungo il fiume e circondato dalle mura rinascimentali, il parco giochi Giorgio Perlasca; e uno più giardino, con più prato, proprio dietro la scuola, il Parco degli Ulivi detto anche il parco dei cerchi.
Il primo, si trova appena fuori dal centro quindi assolutamente raggiungibile a piedi o in bici, è sulla riva del fiume Bacchiglione e per questo è verde e molto scenografico. E' a soli cinque minuti dalla bellissima torre della Specola, che tanto ho fotografato ed è tutta pista ciclabile intorno. Infatti non manca mai un giro in bici prima di tornare a casa. Lungo tutta questa bella passeggiata alberata ci sono un sacco di coppiette che si sbaciucchiano sulle panchine, cani, paperelle obese per il troppo pane che i bimbi dispensano loro, gente che corre e ogni volta mi dico che domani ci andrò anch'io, ma questa è un'altra storia.
Queste sono alcune foto che ho scattato un pò velocemente (perchè ho sempre un figlio da rincorrere) e in più il verde al mio obiettivo non piace quindi non sono proprio il massimo, ma rendono l'idea.
Tenete presente che c'erano 35 gradi all'ombra e quindi era quasi deserto (cosa rara), ma quest'anno avevo promesso che dopo la bella primavera passata non mi sarei lamentata del caldo quindi taccio.
Altre foto potete vederle qui, la bici era un pò più piccola, il nano pure ma il parco è sempre lui!












Queste invece sono le foto del parco dietro la scuola, nel quartiere di Sacra Famiglia, il Parco degli Ulivi. Ci si arriva tranquillamente in bici e la pista ciclabile è proprio quella che passa per il parchetto di cui parlavo prima. Qui abbiamo festeggiato il compleanno del nano e qui ci ritroviamo spesso con i suoi amici al pomeriggio.
Il bello è che c'è un grande prato, sempre verde. Ci sono altalene e scivoli ben tenuti e sassolini con cui preparare magiche polpette da mangiare di gusto. E in più c'è la mitica montagnola (sempre fangosa) che è la gioia di ogni essere alto al massimo un metro e venti. Sotto la montagnola si può trovare in abbondanza il tipico esemplare di mamma ansiosa che ripete il suo canto "attento - non correre che sudi - no lì no che ti sporchi - ma mi ascolti?"
Ecco il ma mi ascolti? è spesso usato anche dalla sottoscritta.










Se volete raccontare anche voi i parchetti delle vostre città sono certa che a Mary tornerà molto utile!
twittatele voi che potete (ebbene sì sono ancora senza smartphone per causa loro
e guardate qui

23 commenti:

  1. Be che dire, bravissima fotografa! clap clap clap

    RispondiElimina
  2. Grande! Anche io conosco Mary ed è da un po' che le prometto un post sui parchetti della mia città: ho già diverse foto pronte, ma non tutte. E prima l'allergia e poi la varicella (entrambe della Bionda) mi hanno ovviamente tenuta lontana parecchio dai parchetti. Ma ogni promessa è debito e arriverà anche il mio contributo.
    E che dire, sarai anche tu una brava fotografa, ma a me questi spazi verdi di Padova sono piaciuti un sacco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono belli davvero! un bacio alla bionda!

      Elimina
  3. Ma che splendida iniziativa!! Complimenti per le foto, i paesaggi fiabeschi e il tuo piccolo principe :*** Vorrei tanto partecipare... io vivo in un locus amoenus :))
    PS Il pane non fa bene né alle paperelle, né agli uccellini in genere, ma i bambini non lo sanno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco buono a sapersi, non lo sapevo nemmeno io... Cosa posso dare? Mangime da uccelli?

      Elimina
  4. Padova mi ricorda troppo i tempi spensierati dell'università, quando i mercoledì nella tua città erano un must! Ora considerarla in chiave mamma con bimbo al parco mi fa un effetto strano, ma sarebbe divertente passarci durante una delle (rare purtroppo) visite ai nonni! E dopo il parco uno spritz al ghetto però!!! Padova e' una bellissima citta', curata tranquilla e a misura d'uomo, sono sicura che viverla con un bimbo sia molto piacevole! Belle foto come sempre, sei davvero brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh prima del nano non conoscevo assolutamente questi parchetti, ci passavo magari ma non mi soffermavo per niente... Una volta sono stata io quella che si sbaciucchiava sulla panchina, secoli fa!

      Elimina
  5. ma bello il parco degli ulivi, così tuffato nel verde.
    e come sempre i tuoi sctati danno quel tocco in più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me piace tanto, anche se di ulivi non ce ne sono!

      Elimina
  6. Le tue foto son sempre uno spettacolo, complimenti!
    Il progetto di Mary è molto interessante, ci siamo sentite e pensavo di raccontare anche io il"mio" parchetto.
    A presto
    Adriana

    RispondiElimina
  7. Sei bravissima. Le tue foto sono splendide e mi ricordano che, a volte, non importa andare tanto lontano per trovare luoghi meravigliosi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh tu un pò lontano sei andata e direi che hai fatto bingo (non c'è parchetto che possa sostenere il confronto con una spiaggia brasileira!)

      Elimina
  8. ma il ragazzo va già senza rotelle...wow!
    anche io ho in serbo un post sui parchi per Mary, ma non sono ancora riuscita a fotografare e scrivere nulla (qui al sud, anche con 40 gradi, sono tutti abbastanza affollati). Ciao ce'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì beh il ragazzo pedala da sempre. Camminare no, troppa fatica, lui pedala.

      Elimina
  9. Hai proprio ragione, è nella lista delle cose da fare...
    Grazie per avermi fatto vedere una parte di Padova che da turista mi ero persa. Città bellissima!!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, grazie di essere passata di qui ho scoperto il tuo bellissimo blog! Ma sei bravissima!!

      Elimina
  10. eccolo sul mio blog.. http://playgroundaroundthecorner.com/2013/06/24/playgroundpadovaforkids/
    grazie mille per il tuo contributo.. un'inviata ottima che fa foto splendide!
    ps. grazie per la bella mamma..
    a presto.
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te, sei riuscita a raccontarlo con molta professionalità!! ;)

      Elimina
  11. Bello grande questo parco! Anche io ho in sospeso un lavoro con Mary.... se lei mi perdona la lentezza presto ti seguirò a ruota! :)

    RispondiElimina
  12. cavolo, non vedo l'ora che mia nipote cresca un po' per poterla portare in posti così!!

    Passa a trovarmi e a leggere una nuova storia,
    http://oonestepcloser.blogspot.it/

    RispondiElimina