31 luglio 2015

Mi sono persa la luna ieri.


Ho visto un sacco di foto della luna di ieri sera, quella che mi sono persa, e che oggi, a casa per un attimo, mi sono goduta.
Ma ieri avrei proprio voluto vederla.
Ho passato qualche giorno al fresco, non in prigione ma in montagna, con i bambini, e la camera dell'albergo dove dormivamo aveva un bellissimo terrazzo da cui però la luna non si vedeva. Colpa delle nuvole.
Ho visto solo nuvole e tanti prati verdi verdi verdi.
La sera addormentavo i pargoli uno a uno quando possibile e contemporaneamente il resto delle volte. Ci sono cose che sembrano impossibili e poi a un certo punto le devi fare. E le fai.
Una volta addormentati ero lì. Da sola nel più totale silenzio. La piccoletta sempre in movimento e il non più piccoletto che si sa godere il meritato riposo. Dal terrazzino non si vedeva nulla. Sai che c'è bosco e pini altissimi di fronte a te ma è tutto nero. Fresco e molto più silenzioso che all'interno. Bello.

Da quando sono cominciate le vacanze il passaggio da bambino-ino a bambino-ragazzo si è palesato ai miei occhi. La linea è molto sottile, ma è stata oltrepassata. L'ho realizzato lì al buio e nel silenzio. E non so quanto sia dovuto all'arrivo di Lei e quanto alla normale e giusta evoluzione delle cose.
Sta di fatto che non riesco a prenderlo in braccio. E' cresciuto. Nei modi, nei gesti, nel fisico.
Io gli servo meno. 
Lui mi cerca di meno.
Gli amici sono giustamente più divertenti e tu spesso e volentieri sei richiesta solo per comprare il gelato, per i 50 centesimi del calcetto o per fare un bagno in mare quando tutti gli altri gli hanno già detto di no.
Sostanzialmente mi fa sempre e solo molto effetto vedere il tempo che vola via veloce.
Ma ci vuole. Anche per noi madri, che i figli crescano.
E così le lunghe e lente coccole che ci siamo fatte la mattina io e la piccoletta nel silenzio me le sono godute tanto proprio perchè lui mi ha mostrato come il qui e ora è tutto.

Insomma, mi sono persa la luna ieri. Avrebbe colorato e dato forma a quel panorama.
Insomma, mi sono fatta un culo a capanna da sola con loro due. (e non dovevo nemmeno cucinare, per dire).
Insomma, mi è piaciuto tanto fare le passeggiate nel panorama, come dice lui.
Rinfrescarsi le idee, dopo tanto caldo, mi ha fatto bene.

Sono tornata questa sera e domani mattina riparto. Io, l'amica e i figli. Di entrambe.
Sì, sono pazza.

5 commenti:

  1. Ma non sei affatto pazza mia cara e tu lo sai , sei incredibilmente sensibile e sai che la nostra vita è fatta di momenti e spesso questi ultimi si associano con avvenimenti estranei a noi. La nostra luna ieri era bellissima , e credimi è dopo la lacerazione che la guardo come se fosse la prima volta nella mai vita e so che non è vero e so che non è successo niente di nuovo. E' solo il tempo che passa inevitabilmente e ti fa poi tornare sulla terra per prenderne coscienza. Tutto normale amica mia. Mi sono permessa di iscrivermi con tanto piacere . Lo stesso che proverei se tu mi ricambiassi!
    Bacio e grazie!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. la pazzia ha un suo fascino vista in questo modo e forse a suo modo ognuno è pazzo!!!!
    loro crescono e noi ci rendiamo conto che possono e sanno farlo...... ci godiamo loro in modo diverso e anche se no abbiamo visto la luna blu pazienza....altri ce l'hanno fatta vedere attraverso loro.....
    un grande abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ma che pazzia e pazzia! Se avessi qui un'amica con figli single come lo sono io la maggior parte del tempo in estate, beh...partirei! Buona vacanza!
    Smack!

    RispondiElimina
  4. ciao! Volevo dirti che dopo un bel po' di tempo sono tornata a scrivere sul mio blog e che mi farebbe molto piacere che tu gli dessi un'occhiata...
    Ho voluto dargli una nuova veste! A presto! :)
    LoStraordinarioMondoDiUnaStudentessaSottoEsameDiLuisaNapolitano

    RispondiElimina