9 giugno 2014

Quando ti nasce un figlio non sai mai chi ti metti in casa (cit).


Dunque. Mi ritrovo al parco. Nel primo vero giorno di caldo. Mio figlio ormai non mi guarda più, sono diventata a pieno titolo una di quelle madri che sta lì semplicemente perchè ha cinque anni e non posso ancora abbandonarlo. Ma lui gioca a calcio. E fa caldo. E io tra poco entro nell'ultimo trimestre e comincio ad accorgermene.
E poi arriva lei con le sue bambine. La più grande lo è più del mio, la mamma non serve. La più piccola, duenne, è ancora in quella fase (bellissima eh) in cui al parco tu madre sei totalmente sua schiava. E poi questa è abbastanza una mini dittatrice. Tutta un ricciolo e tutta da mordere, per carità, ma terribile.
Ed è cominciato il panico. Ho come avuto un attimo di esitazione. Potente.
Ma chi me lo ha fatto fare???!!!

Provo a spiegarmi perchè, data la mia storia, non c'è affermazione più incoerente.
Ma ero lì, ad ascoltare di notti ancora insonni dopo due anni, di capricci incontenibili, di pannolini, di litigi fra sorelle, di cose che non si possono più fare perchè c'è la piccola e chi più ne ha più ne metta.
E se c'è una cosa che credevo di aver imparato con la prima gravidanza era che quando ci sono figli di mezzo non serve farsi troppe aspettative tanto non sarà così, non aiuta credere che sarà diverso da com'è nella maggior parte dei casi, non serve pensare che io madre sarò meglio di quello che posso vedere o sentire in giro. Che certe cose io non le farò mai.
Beh, nuova gravidanza, stesso errore. O almeno, troppo presa dalla bellezza di tutto quello che sto vivendo non ci avevo ancora molto pensato. Ma sta davvero arrivando un altro bambino. Anzi una fanciulla. Con cui dovrò ripartire da zero. Perchè sarà Lei. Come nessun' altra. E non perchè sarà meglio di quello che c'è sulla piazza, ma semplicemente perchè sarà così. Lei che probabilmente mi farà scontare tutto quello che lui non mi ha mai fatto penare, che avrà tanto bisogno di me, forse quasi quanto io ne ho di lei, che magari porterà di nuovo un pò di baby blues ma che sarà un baby blues completamente diverso dal primo, che non sarà l'unica ma in totale saranno due a cui dare retta, che non sarà nemmeno la prima e io dovrei quindi essere un pò addestrata, anche se non mi ricordo più come si fa.
E tutto verrà stravolto. Di nuovo e ancora.
Il desiderio di questo bambino ha sempre un pò offuscato la mia capacità di guardare alla realtà.
Al fatto che sarà dura. Eh sì cara mia, comincia a realizzarlo pure.
Sarà anche bellissimo, ovviamente, qui ci saranno post e foto smielose da togliersi la voglia, non sono impazzita del tutto, ma quel pomeriggio al parco mi è preso un pò il panico.
Forse era solo un colpo di sole misto alla noia, ma se non era paura non saprei come definirla.
E ho capito perchè ultimamente faccio tutto quello che tra un pò sarà un più complicato fare. Aperitivi quasi tutte le sere, cene fuori riuscendo a stare seduti a tavola, vacanze itineranti, pomeriggi improvvisati senza orari nè problemi di pappe. Mi sto come inebriando di quella libertà ed equilibrio che solo un bambino grande sa dare.
Ecco cosa non avremo più, io, mio figlio e pure Lui grande.
La libertà dell'improvvisazione. 
Me la sono proprio cercata questa volta.
Quindi facciamo un bel respiro e torniamo in modalità cuoricini e nuvolette ovunque.
E impariamo a non ascoltare le mamme altrui sotto il sole cocente.

45 commenti:

  1. Io sono messa come te... Bimbo grande di 6 anni, buono come il pane, con cui si può ormai far tutto anche all'ultimo minuto... E panza di 20 settimane, altro bimbo in arrivo cercato per 4 anni, tra mille peripezie... E a volte realizzo e a volte ancora no... Comunque mi prende il panico! Non ti posso dire cosa sia meglio fare, se pensarci ora o soltanto quando nasceranno, però ti capisco benissimo. Pat Pat sulla spalla a vicenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in bocca al lupo anche a voi! bello sapere che c'è qualcuno che mi capisce!! ;)

      Elimina
  2. http://stavofacendounbelsogno.blogspot.it/2013/06/parto-e-lascio-la-mia-comfort-zone.html

    Lo scrivevo qui Ceci...
    capisco perfettamente la tua preoccupazione...ma non ti dirò ora come va a finire la storia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo, la comfort zone, non potevi definirla meglio! Però mi fa ben sperare, voi ve la cavate alla grande!

      Elimina
    2. dopo ti chiedi come hai fatto, fino alla sua nascita, a vivere senza! :*

      Elimina
  3. Ti capisco alla grande. E' proprio quel desiderio irrefrenabile che ti frega :D

    RispondiElimina
  4. ricordo benissimo il giorno che portando al parco Ponyo, ho risentito il vagito di un neonato...mi si è gelato il sangue nelle vene...però ormai ero al5 mese e i giochi erano fatti!:)
    vedrai che andrà bene, tutto sta nel ricominciare!

    RispondiElimina
  5. si si si stessi identici pensieri! Lo so che e' incoerente per via delle nostre storie, ma oh, pure noi abbiamo il diritto all'ansia preventiva, no? E anche a quella post baby, of course. Insomma,a tutto il pacchetto, bonus inclusi...no ma ce la faremo, sara' tutto bellizzzimoooo :-)

    RispondiElimina
  6. E ricordati di non passare a leggere post di altre bismamme... ;-)
    http://mammamogliedonna.it/2014/05/fratelli-2.html

    RispondiElimina
  7. pensa che tutto passa e fra qualche anno potrei di nuovo improvvisare! io non sono incinta (purtroppo) e tu sai quanto desideri esserlo, nonostante questo, quando vedo le neo-mammine all'asilo di Michy, con le occhiaie perenni e vestite a caso...un po' di panico viene anche a me. Poi quando prendo in braccio un neonato e sento il suo irresistibile odore di buono tutto passa e continuo a desiderare con tutta me stessa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so amica, ma sono certa che tu ce la faresti alla grande!!

      Elimina
  8. Ehmmmmm che faccio? Ti dico la mia? No meglio di no........;-)))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voi siete simpaticissimi. Ogni tanto mi viene un pò di panico a leggerti ma mi fate sempre ridere un sacco! ;)

      Elimina
    2. La butto sul ridere per resistere ai quotidiani propositi di fuga!! ;-)))))

      Elimina
  9. …mi consola sapere che non sono sola a provare quel panico sentendo il pianto di un neonato, mi sento meno strana…io però quel panico non l’ho superato e ho deciso di non avere un secondo figlio..perchè purtroppo ho attraversato un profondo baby blues…una profonda solitudine che non mi hanno fatto vivere bene i primi mesi, e anche se il compagno di ora è tutto l’opposto del padre di mia figlia, che si preoccupava solo di quando potevamo ricominciare col sesso, anche se lo adoro e la voglia di un figlio “nostro” viene ogni tanto, io la rimando via, perché non me la sento, non me la sento proprio…e per fortuna lui mi capisce…preferisco vivermi la mia signorina di otto anni e i tre figli di lui, che sono altri figli per me, che avere un bambino e pensare con terrore alle nottate in bianco, alle pappe, agli orari stravolti…non è questo lo spirito per fare un figlio…ora ho bisogno di sentirmi di nuovo IO. Egoista. Lo so. Ma felice.
    Io vi ammiro per la scelta fatta, come ammiro tutte le bis mamme…e lo dico sinceramente….io non ce la faccio…ho bisogno di pensare un po’ a me, perché ho passato anni senza nemmeno accorgermi che esistevo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. egoista direi proprio di no. Ma proprio no. Tua figlia te ne sarà grata. Sempre sostenuto: meglio una madre felice, che si sa voler bene, che sta bene che mille fratelli.
      Non ti sei imposta nulla, siete una bella (e numerosa) famiglia così, se non te la senti non c'è storia. Continua così, un abbraccio.

      Elimina
  10. Quel senso di panico...io ce l'ho già ora che non sono incinta ma ci penso solo. Però il desiderio sta iniziando a divorarmi...quanta contraddizione e quanto amore, insieme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è davvero una contraddizione pazzesca!

      Elimina
  11. Ciao ceci , io ho tre bambine, di cui l'ultima ha 2 anni , carattere determinato tanto da essere comica. L'unica cosa che mi manca , del prima di , e' appunto la possibilità di improvvisare , di seguire la scia, cosa per cui per indole sono portata a fare. Ma sto imparando a farlo di nuovo .Quello che ti voglio dire e' che dopo i primi mesi , in cui la routine e' tAnto importante e rassicurante per te e per il nuovo piccoletto , poi si riesce di nuovo unnpo' ad improvvisare . E nn sottovalutare il fatto che il più grande ti aiuterà tantissimo , vedrai .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. domani mi prendo qualche momento di tranquillità perchè voglio rispondere con calma alla tua bella mail!

      Elimina
  12. Ciao ceci , io ho tre bambine, di cui l'ultima ha 2 anni , carattere determinato tanto da essere comica. L'unica cosa che mi manca , del prima di , e' appunto la possibilità di improvvisare , di seguire la scia, cosa per cui per indole sono portata a fare. Ma sto imparando a farlo di nuovo .Quello che ti voglio dire e' che dopo i primi mesi , in cui la routine e' tAnto importante e rassicurante per te e per il nuovo piccoletto , poi si riesce di nuovo unnpo' ad improvvisare . E nn sottovalutare il fatto che il più grande ti aiuterà tantissimo , vedrai .

    RispondiElimina
  13. guarda a quelle belle famigliole straniere che incontri in vacanza, che girano il mondo con innumerevoli figli a seguito, di diverse età, con rilassatezza e serenità (almeno apparente, ma per me lo sono realmente calmi e sereni) e di' "ce la posso fare, non è impossibile". Magari improvviserai con una tabella di marcia, ma probabilmente riuscirai a farlo comunque…e poi tra altri 4-5 anni ti sembrerà tutto un puntino :-) In ogni caso, in presenza di altre mamme, tappi nelle orecchie! se vuoi ne ho un bel po' a casa.
    Vai amica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io me lo chiedo sempre, ma come fanno 'sti stranieri?!!

      Elimina
  14. Io ho vissuto la situazione contraria. Primo figlio con cui era difficile tutto. Eppur il secondo l'ho voluto con tutte le mie forze sopportando tanto. E quando è finalmente arrivato era un bambino con cui ora che ha due anni faccio già cose che a volte sono ancora difficili con il primo che ora ne ha sei. Tutti i figli sono diversi e forse il bello, anche se a volte è difficilissimo, è proprio questo. Perché ogni bimbo ti regala una maternità diversa con 1001 sfaccettature, alcune complicate, molte meravigliose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio quel tutto nuovo che aiuto!!!!

      Elimina
  15. Grazie per aver dato voce a questi pensieri...

    RispondiElimina
  16. Mi perdonerai, ma mi è scappato proprio da ridere.. il tuo modo sempre spietato di raccontarti mi piace un sacco, e lo apprezzo davvero! :-)
    Non sono ancora una mamma, e ovviamente non posso comprendere le tue paure..
    Ma mi sono divertita perché in qualche modo mi rivedo anche io: mi dispero quando arriva il ciclo perché non vedo l'ora di aspettare un piccolo nano tutto nostro.. ma poi quando il sabato e la domenica regnano il silenzio e la pace in casa, mi dico "ma sei proprio sicura che non rimpiangeresti tutto questo?". La verità è che no, non lo rimpiangerei.. o forse a tratti.. forse solo nei momenti più difficili.. chi lo sa!
    Hai vissuto con Pietro momenti unici, e per 5 anni lui è stato al centro di tutto.
    Adesso avrà una sorella, che è il regalo più bello che potevi fargli.
    Anche io e mio fratello abbiamo 5 anni di differenza, e non sono poi così tanti adesso che siamo adulti.. siamo tanto uniti! Auguro ai tuoi bimbi di imparare a prendere il meglio l'uno dall'altro.. di divertirsi non glielo auguro, tanto quella è una certezza! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo lo rimpiangerò mai, o forse quasi mai (penso alle notti in bianco;)

      Elimina
  17. I tuoi pensieri sono i miei. Ho una splendida Lei di 4 anni. Nata brava e tranquilla, cresciuta meravigliosamente bene senza troppi affanni.. E ora, fra meno di un mese arrivera' un Lui. Un Lui che gia' nella pancia mi lascia pensare che non sara' facile... Ho paura, paura di non farcela, paura di trascurare la mia Principessa, paura dei momenti di sconforto... Paura di perdere quell'equilibrio e quella liberta' ritrovata da poco.. Grazie per avermi fatta sentire meno sola, e anche meno spaventata. Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te, mi sono sentita un mostriciattolo a pensare certe cose l'altro giorno, ma sapere che non sono l'unica è molto meglio!!! ;)

      Elimina
  18. ma perchè non mi chiami quando ti viene il panico? Ti passa in un lampo stai tranquilla.... Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. ohhh come ti capisco! Io con tre gemelli di due anni e mezzo non so più cosa sia l'improvvisazione... però ecco, ti dico che ci sono anche tante altre cose bellissime che ti regala una famiglia più numerosa : )
    (e comunque tornerà ad esserci spazio anche per quella)
    ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh hai tutta la mia ammirazione! fuggiamo insieme?!!!!!

      Elimina
  20. Parole sante e ti capisco benissimo!sono appena uscita dalla fase del rincorrerlo ovunque e a breve ci sarò dentro fino al collo!
    Comunque va molto meglio, ci sono buone notizie per fortuna..grazie per averlo chiesto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho visto la tua ultima foto, il tuo pancino è adorabile!

      Elimina
  21. Io tra un po' vado in menopausa e non ci penso più!!!!!
    Hai fatto bene a farlo ora perché quando poi davvero vanno in giro senza bisogno di mamma l'idea di ricominciare sembra ancora più folle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuoi quando nasce te la presto....!

      Elimina
  22. Che bel post! Anch'io quando ero in attesa del secondo ho fatto le stesse riflessioni.
    Mi piace molto come scrivi.
    Ketty

    RispondiElimina
  23. Amica non ti dico niente perché tra qualche mese sarai tu a dire qualcosa a me.
    La voglia di fuga è latente...
    baciotto
    ps però è anche meravigliosissimo!!!

    RispondiElimina