21 marzo 2014

oggi è un giorno bello.


E' oggi il giorno giusto per parlarne.
Oggi che inizia la primavera e che da sempre è stato uno dei miei giorni preferiti dell'anno. Mi dà l'idea che sì, è ufficiale, ci siamo, basta inverno. Domani danno pioggia e calo drastico delle temperature, ma non importa. E' primavera. Ufficialmente.
Da quando scrivo un blog, anzi da quando leggo i blog degli altri, ho imparato un sacco di cose. E così ho imparato che oggi, oltre ad essere ufficialmente primavera, è anche la giornata mondiale della Sindrome di Down.

E allora rispondo anch'io a Barbara. Oggi, che è il giorno più bello dell'anno.
In realtà non rispondo. Perchè una risposta non ce l'ho.
Credo di aver provato almeno una volta tutte le tipologie di sguardi che lei descrive, credo di essermi imbambolata qualche volta, altre volta credo di aver sorriso a un sorriso senza neanche accorgermi che dietro c'era una Sindrome di Down, altre volte credo di aver guardato e immediatamente tolto lo sguardo, per paura di disturbare, per paura di sembrare inopportuna, perchè la curiosità può essere molto imbarazzante.
Il fatto è che non conosco. Non conosco personalmente nessuno che ha la Sindrome di Down, nè mi è capitato da bambina o ragazza.
Io sono grata a Barbara, ma anche Antonella, Marina, Kelle e le altre mamme come loro che hanno scelto di raccontare. Sono profondamente grata.
Perchè mi fanno vedere com'è. E credo che i muri si possano buttare giù solo conoscendo, scoprendo, leggendo com'è. Sapendo un pò di più. Di quello che si prova e di come lo si vive.
Di cosa vuol dire.
Di quanto sia umano. E non così lontano da me.
Perchè siamo tutte mamme e tutti sono figli.
Perchè come dice giustamente Giovanna, anch'io mi domando sempre se mio figlio sarà felice, proprio come la #dearfuturemom del video.
E da quando so qualcosa in più il sorriso mi viene molto più spontaneo, lo sguardo non è più così imbarazzato, perchè non guarda più una cosa totalmente sconosciuta.
E la mia sfida più grande sarà insegnare a mio figlio quello che sto imparando io.
A vedere sempre e prima il bello. E a voler conoscere com'è.
Quindi grazie.



#WDSD2014 #DearFutureMom #losguardodeglialtri



9 commenti:

  1. Ho visto lo spot un paio di giorni fa, proprio prima della Translucenza nucale. Ecco, non posso descrivere la commozione travolgente e non solo per la solita storia degli ormoni della gravidanza

    RispondiElimina
  2. Succede la stessa cosa anche a me, più conosco e più la differenza acquisisce valore.
    Occorre tanta consapevolezza per non disperderlo, qualsiasi figlio ci abbia scelto.
    Sto leggendo tutti i vostri post e questa giornata mi appare davvero bellissima :)

    RispondiElimina
  3. E io conosco più cose da quando leggo il tuo blog. Non sapevo di questa giornata, e non conoscevo i blog di queste mamme. Leggerò i tuoi link. Perchè come dici tu, i muri si abbattono leggendo e conoscendo. E intanto sorrido mentalmente a queste mamme e ai loro figli :).

    RispondiElimina
  4. Quanto lo spero anche io che i muri possano venire giù con la conoscenza reciproca! Quanto! E me lo ripeto quando per stanchezza, per sconforto, il mio raccontare mi sembra proprio solo quello che è, senza prospettive, senza scopi.
    Ma poi..... Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o no non lo è. Non smettere. Mi stai insegnando molto più di quello che pensi! un abbraccione pure a quel figone di Killò

      Elimina
  5. Grazie del tuo sguardo Verdeacqua… Io sono un'inguaribile ottimista, ma credo che qualche bel mattoncino lo abbiamo buttato giù in questi giorni! Continuate a guardare al di là del muro, ne abbiamo bisogno!

    RispondiElimina
  6. La conoscenza e' l'arma per abbattere molte paure!

    RispondiElimina
  7. Anche io ho visto lo spot. L'ho trovato bellissimo.

    RispondiElimina