5 aprile 2014

a proposito



A proposito di Torino in questo periodo a Palazzo Madama c'è una retrospettiva di Eve Arnold, fotografa famosa per aver immortalato molti divi e personaggi importanti come Marilyn Monroe, Marlene Dietrich, Malcolm X. Ma ci sono anche l'India e i volti velati delle donne arabe.
E' brava, e si sa. Le sue sono foto quasi tutte in bianco e nero come piacciono a me, ritratti distratti, poco costruiti e che immortalano un momento che proprio così non sarà più. Come dovrebbe essere sempre quando si fa il ritratto di qualcuno. Uno sguardo, una smorfia, una boccata di fumo che mai più sarà la stessa.














E poi ci sono queste foto che fanno parte di una serie intitolata: "I primi 5 minuti di un neonato" (1959) in cui Eve Arnold cominciò a fotografare i primi attimi della vita dei bambini che venivano al mondo in un ospedale di Long Island. 
Quei primi cinque minuti in cui il neonato viene trascinato in un mondo a lui alieno e diventa altro dalla madre.

"Avevo da poco perso un bambino ed ero entrata in depressione. Così ho scelto di fotografare le nascite come catarsi. Può sembrare una follia risalire alla fonte del dolore ma in realtà mi appagava."




20 commenti:

  1. Urca, che donna coraggiosa, oltre che eccezionale fotografa!! Bacio cara!!

    RispondiElimina
  2. Bellissime! Io adoro le mostre fotografiche e soprattutto le foto in bianco e nero. Mi è venuto in mente un fotografo che ho visto a Parigi e che mi è piaciuto un sacco, André Kertész, se ti dovesse capitare l'occasione di vederlo, te lo consiglio.

    RispondiElimina
  3. che spettacolo!!!!! Ci sono alcune foto emozionanti anche a vederle così... figuriamoci dal vivo

    RispondiElimina
  4. Dietro ogni foto, c'è una storia e questo le rende speciali. Non e' mica facile fotografare una fotografia? E tu sei bravissima!

    RispondiElimina
  5. Le ultime foto sarebbero perfette il il nostro contest parto da qui :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti andrebbe di mandarmele via email così le pubblico sulla nostra pagina!!

      Elimina
  6. Interessante la teoria di risalire al,proprio dolore...ne parlavo proprio ieri con alcune persone. È possibile che il dolore ti tenga bloccato.già...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo anch'io che ci sia una sorta di blocco invisibile e potente.

      Elimina
  7. Adoro le mostre fotografieche e le foto in bianche e nero hanno un qualcosa di magico. La prima fotografia è stupenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una delle mie preferite di sempre!

      Elimina
  8. devo assolutamente andarci...è pure vicino!!!

    RispondiElimina
  9. Ero a Torino e ci volevo entrare, a questa mostra... Però il tempo era poco, le persone da incontrare tante, e la treenne al seguito noiosa...
    Grazie di questo assaggio, dunque, che mi ripaga un po'...

    RispondiElimina
  10. Sai, la serie dei neonati è interessante perché, a parte l'ultima immagine delle due mani che si stringono, trovo esprima moltissima brutalità e dolore, distacco e un senso di perdita e lontananza, la stessa che ha vissuto la fotografa in quel periodo. Non c'è traccia di dolcezza né tenerezza, in queste foto. Coi suoi scatti è riuscita a cogliere il senso di separazione della nascita e di allontanamento prima che la mamma possa stringere di nuovo a sé il bambino.
    Comunque mi hai dato uno spunto bellissimo per andare a Torino, magari con la mia bimba più grande che, come me, è appassionata di fotografia. Ciao Cecilia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava. sei proprio riuscita a tradurre in parole quello che quelle immagini trasmettono. La foto in cui si intravedono i piedi del neonato e una madre lontana che lo guarda dal letto del parto è la mia preferita e credo anche la più evocativa di quel senso di distacco, che è tanto del bambino quanto della madre.

      Elimina
  11. Bellissima.
    E bellissimo il commento di Mentre Dormono.

    RispondiElimina
  12. La citazione è brutale e bellissima, come le foto che ritraggono la nascita.
    Non mi meraviglia la sensazione di stupore e frustrazione che trasmettono.

    RispondiElimina